smartphoneI risultati di uno studio del National Institutes of Health sugli effetti dell’esposizione alle radiazioni sui telefoni cellulari negli animali sono vari. Hanno mostrato un aumento del rischio di tumori, danni al DNA o tessuti e minore peso corporeo in alcuni gruppi di roditori, ma non ha avuto effetto apparente su altri animali e, per il momento, non v’è alcuna chiara implicazione per la salute umana.

John Bucher, uno scienziato esperto coinvolto in questo studio durato 10 anni, è stato cauto nell’interpretare i risultati. Dato il modello incoerente dei risultati, il fatto che i soggetti fossero ratti e topi, invece di persone, e l’alto livello di radiazioni utilizzate, per l’esperto è difficile estrapolare i dati per i potenziali effetti sulla salute umana. “A questo punto non crediamo di poter conoscere abbastanza i risultati per avere un alto grado di fiducia in essi“, ha detto.

Bucher, in tal senso, ha anche chiarito che “non ho cambiato il modo in cui utilizzo un cellulare”

La questione dell’impatto delle radiazioni della telefonia mobile sulla salute umana è stata oggetto di accesi dibattiti per anni. La scoperta più evidente del nuovo studio includeva ratti maschi – ma non ratti femmina o topi maschi o femmine – che hanno sviluppato tumori nei nervi che circondavano i loro cuori.

I ricercatori hanno anche constatato un aumento dei danni al tessuto cardiaco nei ratti maschi e femmine. Se questi risultati fossero confermati, secondo Bucher, questo tipo di radiazioni potrebbero essere un cancerogeno “debole”.

I tumori dei ratti maschi erano chiamati schwannomi maligni. Sulla base di ricerche limitate che mostrano un rischio potenzialmente elevato di schwannoma vicino al cervello delle persone, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro attualmente elenca i campi a radiofrequenza come “potenzialmente cancerogeni per l’uomo“. Il nuovo studio NIH ha mostrato tumori in ratti e topi in altre parti del corpo, come il cervello, la prostata, il fegato e il pancreas, ma gli scienziati hanno detto che non era chiaro se fossero correlati alle radiazioni.

Durante l’esperimento ratti e topi sono stati collocati in apposite stanze e gli scienziati hanno esposto questi animali a diversi livelli di radiazioni, imitando i telefoni 2G e 3G, che erano lo standard al momento dello studio, per 9 ore al giorno. Bucher ha sottolineato che anche i livelli più bassi utilizzati nello studio erano molto più alti della massima esposizione che un utente frequente di cellulari avrebbe avuto.

Mentre gli Stati Uniti hanno effettuato la transizione alle reti 4G, 4G-LTE e 5G negli ultimi anni, le frequenze 2G e 3G sono ancora utilizzate nelle chiamate vocali e nei messaggi di testo.Oltre al cancro, lo studio ha esaminato altri effetti sulla salute, come l’evidenza di danni ai tessuti dal calore del telefono cellulare, danni al DNA e cambiamenti nel peso corporeo. “Non siamo sufficientemente preparati per commentare il loro significato biologico“, hanno commentato gli studiosi.