Huawei Mate 10 Pro guida una Porsche Panamera
Huawei è riuscita nell’impresa di far guidare una fuoriserie ad uno dei suoi smartphone con intelligenza artificiale. Non è uno scherzo ma il primo risultato del progetto RoadReader che si appresta a superare tutti i limiti finora conosciuti e a mettere alla prova i suoi dispositivi. Il record è stato fatto da Huawei Mate 10 Pro con una Porsche Panamera.

LEGGI ANCHE: Smartphone Android, i migliori per le aziende secondo Google: Samsung Galaxy esclusi

A differenza di altre auto a guida autonoma che rilevano ed evitano gli ostacoli, Huawei ha trasformato la Porsche in un veicolo che, anche senza conducente, è in grado di vedere e capire tutto ciò che lo circonda. La vettura, sfruttando proprio Huawei Mate 10 Pro, può distinguere tra 1.000 diversi tipi di oggetti.

Huawei Mate 10 Pro alla guida di una Porsche Panamera

È in grado percorrere la direzione più appropriata e di intervenire in modo corretto se davanti a sé sbuca una palla o una bicicletta, o un gatto piuttosto che un cane. Un bel passo in avanti se si considera che la maggior parte delle auto autonome attualmente in fase di sviluppo si basa su chip appositamente sviluppati da terzi fornitori di tecnologie.

Huawei, forte dello slogan make it possibile che da sempre la caratterizza, ha utilizzato una tecnologia già disponibile sui suoi smartphone, dimostrando la sua capacità di competere anche con una tecnologia più avanzata e pensata appositamente per l’utilizzo di auto a guida autonoma.

Andrew Garrihy, Chief Marketing Officer, Huawei Western Europe, ha dichiarato: “il nostro smartphone è già eccezionale ma volevamo capire se in un breve lasso di tempo avremmo potuto insegnargli non solo a guidare una macchina, ma anche ad usare l’intelligenza artificiale per riconoscere determinati ostacoli, e quindi evitarli“.

Andrew Garrihy ha poi concluso sottolineando che se la loro tecnologia è abbastanza intelligente da raggiungere questo obiettivo in sole 5 settimane, cos’altro sono in grado di fare? Huawei presenterà il progetto RoadReader al Mobile World Congress 2018 di Barcellona insieme al suo nuovo tablet con Android.