Die With Me

La maggior parte dei possessori di smartphone, siano essi Android o iPhone, ricercano su Google come migliorare la durata della batteria. Tuttavia, può risultare stancante provare a coccolare sempre il proprio dispositivo per conservare quanta più autonomia; a volte anche a discapito delle funzioni principali del sistema operativo.

LEGGI ANCHE: Offerte TRE > arriva ALL-IN Master Digital con 30 GB, minuti ed SMS a 10 euro

Per coloro che si sono stancati di ricercare sempre nuovi trucchi e per chi non si è mai interessato di migliorare l’autonomia del proprio smartphone, nasce Die With Me. L’applicazione, letteralmente muori con me, è un nuovo software di messaggistica disponibile sia per Android che per iOS particolarmente divertente.

Die With Me può essere utilizzata solo quando lo smartphone ha meno del 5% di autonomia, permettendo agli utenti di entrare in una chat room e di conversare mentre i loro telefoni stanno morendo in modo lento e doloroso. Non è uno scherzo ma funziona proprio in questo modo e per scaricarla bisogna anche pagare.

È qualcosa di curioso e allo stesso tempo divertente, simile all’orchestra del Titanic che è rimasta a suonare fino all’ultimo nonostante la nave stesse affondando. E allo stesso modo, gli utenti su Die With Me possono chattare ed esprimere la propria frustrazione con altri utenti nelle stesse condizioni.

Leggi anche:  Samsung: posticipato l'aggiornamento ad Android Oreo per diversi smartphone

DIE WITH ME, COME SCARICARE L’APPLICAZIONE

Le recensioni sul Play Store parlano chiaro: “molto bene, finalmente ho scaricato la batteria abbastanza per entrare nella stanza”, oppure “finalmente una buona app di messaggistica per i possessori di Galaxy S6”.

Gli utenti interessati, dunque, possono scaricare Die With Me da questa pagina del Google Play Store se possiedono uno smartphone Android o da questa pagina dell’App Store se possiedono un iPhone.

Il prezzo per entrambe le piattaforme è di 0.99 euro. Die With Me ha uno scopo preciso ma anche qualche lacuna, come il prezzo. In molti hanno sottolineato in rete che non è carino dover pagare per qualcosa che non si potrà utilizzare molto spesso.