Google Play Protect

Android è un sistema aperto e flessibile. Sfortunatamente, questa flessibilità comporta più potenziali problemi di sicurezza. La buona notizia è che Google ha un sistema chiamato Play Protect che aiuta a proteggere Android.

Google Play Protect rappresenta l’intera filosofia di sicurezza Android di Google sotto un unico nome. Play Protect è un sistema in più parti, progettato per mantenere il tuo telefono al sicuro da cima a fondo: è in parte scanner antimalware, in parte “Trova il mio telefono” e in parte “Navigazione sicura“.

Se sei curioso di vedere cosa sta facendo Play Protect sul tuo dispositivo, è abbastanza facile da fare. Vai avanti e avvia il Play Store per iniziare.

Apri il menu Play Store, quindi seleziona l’impostazione “Le mie app e i miei giochi“. L’opzione principale nella pagina Le mie app e i miei giochi è il riepilogo dello stato di Play Protect.

La pagina Play Protect mostra le app scansionate di recente, ti fa sapere se ha trovato qualcosa di discutibile e ti consiglia alcuni giochi con cui giocare.

Ecco come funziona nello specifico

Il motivo principale dell’esistenza di Play Protect è la scansione del malware. Utilizza l’apprendimento automatico per scansionare e verificare oltre 50 miliardi di app ogni singolo giorno, sia all’interno che all’esterno del Play Store.

Fondamentalmente, lato back-end, lo scanner di malware di Play Protect controlla ogni app che entra nel Google Play Store per assicurarsi che sia un’app legittima. Se qualcosa viene rilevato, viene rifiutato (o rimosso) dal Play Store.

Ma Play Protect fa un ulteriore passo avanti per proteggere il tuo dispositivo anche se esegui il sideload delle applicazioni. Non solo esegue la scansione delle app nel Play Store, ma esegue anche la scansione di tutte le app sul telefono alla ricerca di attività dannose, indipendentemente da dove provengano. Se trova qualcosa di sospetto, riceverai una notifica.

FONTEhowtogeek
Articolo precedenteLe novità di Disney+ in arrivo a febbraio 2023, ecco la lista aggiornata
Articolo successivoMulte auto, i vari tipi di sanzioni in cui possiamo incorrere
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it