Poco-C55-in-arrivo-certificazione-IMDA

Il produttore cinese Xiaomi ha in cantiere per il 2023 numerosi smartphone e tra questi ce ne saranno diversi a marchio Poco. Uno di questi sappiamo che sarà il prossimo top di gamma Poco F5, ma a quanto pare l’azienda sta preparando l’arrivo di un ulteriore device appartenente ad una fascia di prezzo differente. In particolare, si tratta del prossimo Poco C55. Il suo debutto sul mercato sembra ormai imminente, dato che ha già ricevuto la certificazione IMDA.

 

 

Poco C55, il nuovo smartphone di Xiaomi riceve la certificazione IMDA

Nel corso delle ultime ore uno dei prossimi smartphone del noto produttore cinese Xiaomi ha ricevuto l’importante certificazione IMDA e questo significa che il suo debutto ufficiale sta per arrivare. In particolare, come già accennato, si tratta del prossimo Poco C55 e sulla certificazione in questione è stato registrato con il numero di modello 22127PC95G. L’arrivo di questa certificazione non ha rivelato molti dettagli, se non il supporto alle connessioni Bluetooth e Wi-Fi.

Nonostante questo, secondo precedenti rumors sappiamo che Poco C55 sarà una versione re-branded di un altro smartphone dell’azienda cinese, ovvero il Redmi 12C. Per questo motivo, ci aspettiamo più o meno le stesse specifiche. Ve le riassumiamo qui di seguito.

  • Display con tecnologia IPS LCD con una diagonale da 6.71 pollici in risoluzione 720 x 1650 pixel
  • Processore MediaTek Helio G85
  • Tagli di memoria con RAM LPDDR4X e storage interno eMMC 5.1
  • Batteria da 5000 mah con ricarica rapida da 10W
  • Dual camera posteriore con sensore principale da 50 MP
  • Fotocamera anteriore per i selfie da 8 MP
  • Altro: chip NFC
Articolo precedenteOpenAI, svelato chi si nasconde dietro l’intelligenza artificiale del momento
Articolo successivoStreaming, non perdetevi assolutamente questi film e serie TV
Anna Lisa Ferilli
Grande appassionata di smartphone e tecnologia, attualmente sono editor presso www.tecnoandroid.it. Sono inoltre iscritta presso Università del Salento per conseguire la laurea magistrale in Lingue moderne, letterature e traduzione.