vaccini-in-italia-registrati-circa-15-000-casi-di-effetti-collaterali-su-20-milioni-di-dosi

Nel 2021, abbiamo riscontrato un tasso di 78 segnalazioni per 100.000 dosi. Un totale di 3,6 per 100.000 dosi di una vaccinazione è stato associato a segnalazioni di effetti collaterali gravi. Nel 2021 non sono emersi sviluppi sfavorevoli tra le sospette risposte avverse rilevate che potessero alterare la valutazione del rapporto beneficio/rischio delle vaccinazioni utilizzate.

Nel 2021 sono state somministrate in Italia circa 20,5 milioni di dosi di vaccini (esclusi quelli contro il COVID19) e di queste segnalazioni 18.060 sono state inserite nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza. Di queste, 15.978 si riferivano a sospetti effetti collaterali che potrebbero essersi verificati nel 2021, per un tasso di 78 segnalazioni ogni 100.000 dosi. Le segnalazioni di reazioni gravi correlate ai vaccini sono aumentate del 3,6% ogni 100.000 dosi.

In Italia sono stati tanti i vaccinati nel 2021

Le informazioni sono disponibili nel Rapporto sulle vaccinazioni 2021, che illustra le attività di monitoraggio vaccinale dell’Agenzia in Italia in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e il Gruppo di Vaccinovigilanza. I dati relativi alla vaccinazione anti-Covid-19 non sono inclusi nel Rapporto perché sono oggetto di altre pubblicazioni.

Grazie ai programmi di farmacovigilanza attiva promossi dalle Regioni in collaborazione con Aifa, il tasso di segnalazione per dose somministrata è aumentato per tutti i vaccini nel 2021, nonostante un andamento piuttosto piatto delle dosi totali somministrate. Questi studi rappresentano il 77,1% di tutte le segnalazioni e il loro contributo è in gran parte responsabile dell’aumento della percentuale di segnalazioni che includono effetti non significativi.

Una revisione dei probabili effetti collaterali alle vaccinazioni del 2021 non ha rilevato nulla che giustifichi una rivalutazione del profilo complessivo beneficio-rischio di questi prodotti. Il Rapporto fornisce approfondimenti con due focus, rispettivamente sulle vaccinazioni in gruppi vulnerabili e sulla vaccinazione contro il papillomavirus umano e sui programmi di screening delle lesioni HPV associati, oltre a uno studio completo dei possibili effetti collaterali per ogni tipo di vaccino.

Articolo precedenteTiro con l’arco: arriva l’arco smart per allenarsi e divertirsi in tutta sicurezza
Articolo successivoCovid-19, in Cina ci sarebbero stati 250 milioni di casi a dicembre
Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.