covid-19-in-cina-ci-sarebbero-stati-250-milioni-di-casi-a-dicembre

Venerdì scorso, Bloomberg News e il Financial Times hanno riportato che una valutazione interna degli esperti sanitari di alto livello del Paese ha suggerito che circa 250 milioni di persone in Cina potrebbero aver contratto il Covid-19 nei primi 20 giorni di dicembre. La CNN non è stata in grado di confermare questa statistica, ma se fosse corretta, si tratterebbe della più grande epidemia di Covid-19 della storia, che colpirebbe circa il 18% della popolazione cinese di 1,4 miliardi di persone.

Secondo le due pubblicazioni, che citano persone senza nome che conoscono l’argomento o hanno partecipato ai colloqui, i numeri sono stati forniti durante una riunione interna della Commissione nazionale cinese per la salute (NHC) mercoledì scorso. Il trattamento dei pazienti colpiti dall’ultima epidemia sarebbe stato discusso in modo approfondito nel corso di una riunione tenutasi mercoledì, secondo un riassunto pubblicato dall’NHC.

Covid-19, 37 milioni di persone hanno contratto il virus per la prima volta

Secondo la CNN, venerdì è diventato virale sui social media cinesi un documento che sostiene di essere una nota di riunione del Consiglio sanitario nazionale (NHC). La veridicità del documento non è stata accertata e l’NHC non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNN. Secondo le stime di entrambe le pubblicazioni, martedì 37 milioni di persone in Cina hanno contratto la Covid-19 per la prima volta. Quel giorno erano state registrate in totale 3.049 nuove malattie, quindi la differenza era notevole.

Il Financial Times ha riferito, citando due persone a conoscenza della situazione, che Sun Yang, vice direttore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha informato privatamente le autorità sui dati. Secondo il Financial Times, Sun ha affermato che il ritmo di diffusione del Covid in Cina è ancora in aumento e ha previsto che più della metà delle persone a Pechino e nel Sichuan siano già state infettate.

Anche in Cina si utilizzano test rapidi dell’antigene, ma gli utenti non sono tenuti a segnalare i risultati positivi. Data la rapida diffusione del virus e i tassi di richiamo della vaccinazione relativamente bassi tra gli anziani, il numero ufficiale di decessi per Covid registrato dalla Cina questo mese è sorprendentemente basso: solo otto.

Secondo i nuovi dati forniti dall’NHC il 14 dicembre, la CNN ha calcolato che solo il 42,3% delle persone di età pari o superiore a 80 anni in Cina ha ricevuto la terza dose di vaccinazione.

Articolo precedenteVaccini in Italia, registrati circa 15.000 casi di effetti collaterali su 20 milioni di dosi
Articolo successivoTIM propone molte offerte di dicembre per i suoi utenti
Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.