canone rai

Gli scenari fiscali per le prossime settimane potrebbero prevedere una serie di novità a carattere nazionale. Un cambiamento, ad esempio, potrebbe essere previsto per il pagamento del canone RAI. Nonostante la caduta dell’esecutivo, il tributo potrebbe essere definitivamente stralciato dalle bollette per l’energia elettrica.

RAI, gli scenari per l’addio del canone in bolletta

Nel novero delle proposte previste nel Decreto Concorrenza è contemplata infatti la cancellazione del canone RAI dalle bollette. Questa riforma sarebbe strettamente legata dall’adesione dell’Italia al programma del PNRR europeo. Da tempo, infatti, l’Unione Europea chiede a tutti i suoi paesi membri di avere massima trasparenza per quanto concerne tutte quelle componenti aggiuntive legate ai tributi energetici.

In base alle attuali previsioni, il canone RAI potrebbe essere eliminato dalle bollette delle luce già a partire dal prossimo 2023. Ovviamente sarà fondamentale in tal senso verificare il lavoro dell’attuale Governo e del prossimo che si insedierà in seguito alle elezioni di settembre.

Nel 2023 potrebbe andare quindi in soffitta la riforma precedente per il canone e le bollette per l’energia elettrica. Questa riforma, voluta nel lontano 2015 dal Governo Renzi, ha avuto anche il pregio di abbassare il valore del tributo agli attuali 90 euro rispetto ai 117 euro di partenza. Ancora oggi, inoltre, gli italiani hanno la possibilità di dilazionare in rate il pagamento della tassa.

Lo stop al canone RAI in bolletta non andrebbe però a coincidere con la sua definitiva cancellazione. In sede ministeriale già si pensano ad eventuali alternative per non favorire il ritorno dell’evasione. C’è da ricordare che questo tributo garantisce ben 1,7 miliardi alle casse della tv di Stato.

GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.