Ferrari, SP48 Unica, One-Off, Special Projects

Nonostante l’attuale crisi economica e finanziaria, il mondo del lusso segue dinamiche proprie e inusuali. Per questo motivo, Ferrari è riuscita a chiudere il secondo trimestre fiscale del 2022 con numeri da record sotto tutti i punti di vista.

Certamente impressiona l’incremento di quasi il 29% rispetto al secondo trimestre del 2021 sulle consegne totali. Da Maranello sono uscite 3.455 supercar destinate agli appassionati di tutto il mondo. Si tratta di 770 unità in più tra i sette modelli con motore a combustione interna e i tre modelli dotati di motore ibrido.

Andando a guardare tra i vari modelli disponibili, quelli dotati di motore endotermico dominano la scena con l’83% delle vendite. Il restante 17% invece è occupato dai modelli ibridi della gamma Ferrari attualmente disponibile.

 

Ferrari fa registrare dati economici in forte crescita tanto da segnare il trimestre fiscale migliore di sempre

I modelli più venduti sono Portofino M e la famiglia F8, seguite dalla 296 GTB e dalla 812 Competizione. Considerando l’aumento della produzione, di conseguenza sono aumentati anche i ricavi netti del 25% rispetto allo scorso anno. Il nuovo valore raggiunto supera i 1.290 milioni di euro.

I mercati maggiormente interessati alle vetture con il marchio Ferrari sono quelli della Cina Continentale, Hong Kong e Taiwan con un incremento della domanda del 115%. Seguono le Americhe con una crescita del 62%, il resto dell’APAC con il 21% e infine la regione EMEA con il 4.5%.

Questi valori estremamente positivi hanno portato Ferrari a rivedere al rialzo le stime per il futuro. I prossimi dati finanziari terranno certamente conto dell’inizio della produzione della Ferrari Daytona SP3 e della Ferrari Purosangue anche se gli effetti economici delle vendite si vedranno nel 2023.

Come dichiarato da Benedetto Vigna, Amministratore Delegato dell’azienda del Cavallino Rampante: “Ferrari prosegue una fase di forte crescita, con risultati trimestrali record in termini di ricavi, EBITDA e EBIT. La qualità dei primi sei mesi e la robustezza del nostro business ci permettono di rivedere al rialzo la guidance per il 2022 su tutte le metriche. Anche la presa ordini netta ha raggiunto un nuovo livello record nel trimestre“.

L’Amministratore Delegato di Ferrari ha poi proseguito: “Lo scorso trimestre resterà memorabile anche per i momenti unici vissuti nel corso delle celebrazioni del nostro 75° anniversario e durante le Cavalcade, che hanno innalzato a nuovi livelli le esperienze offerte ai nostri clienti per condividere la passione e lo spirito della Ferrari mentre continuiamo a spingerci oltre i nostri limiti“.

Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger