bonus pannelli solari

Non tutte le persone che installano il fotovoltaico pensano di inserire una batteria, ritenendo che la spesa aggiuntiva non sia necessaria. Per questo il governo ha pensato ad un provvedimento specifico per i sistemi di storage. Ecco di cosa si tratta.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2022 il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze (MEF) del 6 maggio 2022. Con il decreto il MEF comunica le modalità di utilizzo del credito d’imposta relativo alle spese sostenute per l’installazione di sistemi di accumulo su impianti fotovoltaici.

Nello specifico il credito d’imposta spetta alle persone fisiche che hanno inserito un sistema di accumulo su impianti fotovoltaici già installati o su quelli di nuova installazione. Ma anche su chi beneficia degli incentivi per lo scambio sul posto.

Come ottenere il bonus

Le spese devono essere documentate ed effettuate dal 1 gennaio al 31 dicembre 2022 ed essere restituite entro il limite di 3 milioni di euro. La percentuale del credito d’imposta non è ancora nota. Di ciò verrà data comunicazione tramite apposito provvedimento pubblicato successivamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per richiedere il bonus sistemi di accumulo e, quindi, il relativo credito d’imposta, i contribuenti devono presentare domanda all’Agenzia delle Entrate entro un termine. Tutto deve essere fatto elettronicamente.

L’Agenzia delle Entrate, tuttavia, non ha ancora pubblicato il relativo provvedimento con il termine e lo schema applicativo. Il provvedimento sarà pubblicato entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto MEF. Quindi, a partire dal 18 giugno.

Nella domanda i beneficiari del credito d’imposta devono indicare l’importo delle spese sostenute per i sistemi di accumulo relativi all’anno 2022.

FONTEnews.italy-24.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it