elon musk twitterElon Musk definisce Twitter stesso la causa dell’incitamento all’odio così diffuso sulla piattaforma. Il multimiliardario, che dovrebbe acquistare Twitter per 44 miliardi, ha accusato la società in risposta alle affermazioni dell’account LibsofTikTok – gestito dall’ex venditore immobiliare Chaya Raichik. L’account citato condivide contenuti di TikTok su Twitter. Attualmente ha 1,9 milioni di follower. Raichik ha ricevuto “circa una dozzina” di minacce di morte su Twitter, ma la piattaforma “non ha rimosso nessuno degli account responsabili”.

Un utente apparentemente ha minacciato Raichik “scherzando”. In seguito a quanto accaduto e in risposta al tweet accusatorio di Raichik, Musk ha replicato a sfavore di Twitter. “Una piattaforma non può essere considerata inclusiva o equa se è prevenuta nei confronti di metà del Paese”.

Raichik ha anche affermato che lo staff di Twitter sta “dibattendo se vietare” il suo account, sostenendo di avere screenshot di conversazioni interne. Né Raichik né Twitter hanno rilasciato dichiarazioni in merito. Musk, che si è definito un “assolutista della libertà di parola“, ha twittato in precedenza contro i presunti “pregiudizi” di Twitter, cosa che la società ha negato; ha anche preso di mira dipendenti come il suo responsabile legale, politico e fiduciario Vijaya Gadde.

Elon Musk contro Twitter nonostante l’imminente acquisto della società: la piattaforma incita all’odio

Tuttavia, l’ex capo della sicurezza di Facebook, Alex Stamos, ha affermato che le idee di Elon Musk per affrontare questo presunto squilibrio “sono come guardare un bambino giocare con un frullatore dietro una barriera di plexiglass”. Ha aggiunto: “Il team T&S di Twitter non è un gruppo di liberali censori come presume. Se parlasse davvero con loro, si renderebbe conto che stanno cercando di bilanciare molte azioni importanti su larga scala e che ogni decisione comporta pesanti compromessi che non si adattano facilmente a un tweet”.

È stato riferito che Twitter ora consentirà a Musk di accedere a risme di dati grezzi in modo che possa valutare quanto emerso. La società ha dichiarato che “continuerà a condividere in modo cooperativo le informazioni con Musk per portare a termine la transazione in conformità con i termini dell’accordo”.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.