L’ente nazionale più famoso è conosciuto nella nostra penisola e senza alcun dubbio poste italiane, la famosa agenzia vestita di giallo vanta infatti un bacino di utenti a dir poco incredibile conquistato negli anni grazie ai propri servizi sempre al passo coi tempi e con costi di gestione davvero competitivi, basti pensare alla famosa Postepay che ogni giorno serve milioni di utenti.

Questo contesto a tratti idilliaco, nasconde per un lato oscuro ingombrante e forse anche prepotente, spesso infatti primo nome di poste italiane viene sfruttato dei truffatori per avviare delle vere e proprie campagne fraudolente ai danni dei clienti dell’azienda stessa, queste ultime prendono corpo in mail o sms di phishing pensati per rubare le credenziali di accesso ai conti BancoPosta delle vittime.

Generalmente queste comunicazioni truffaldine, assumono svariate forme pur mantenendo però un’ossatura di base decisamente conservata, spesso infatti queste ultime inducono il lettore a compiere determinate azioni come effettuare accessi presso link esterni oppure scaricare allegati malevoli.

 

Phishing Poste Italiane

Le sms che in molti ci stanno segnalando ribadisce alla lettera tutti questi concetti, il corpo testo infatti avvisa l’utente di un anomalia riscontrata sul conto BancoPosta da dover correggere effettuando l’accesso presso un apposito link citato in basso, quest’ultimo rimanda però ad una falsa area clienti di poste italiane over le vostre credenziali non appena digitate verrebbero immediatamente copiate e inviate al creatore della truffa.

Il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di non prestare attenzione a questo tipo di messaggi e di cestinarle immediatamente, dal momento che si tratta nella quasi totalità dei casi di truffe belle e buone.

Eduardo Bleve
Studente di medicina e da sempre appassionato di tecnologia, musica e curiosità scientifiche.