xiaomi-vuole-rendere-illegale-pratica-diffusa-android

Xiaomi, uno dei maggiori produttori di telefoni cinesi, vuole limitare l’estrazione degli APK dai dispositivi Android, ma Google, fortunatamente, non è d’accordo. La facilità di estrazione e condivisione dei file APK (usati per installare le app) è stato un grande vantaggio per l’ecosistema Android nel corso degli anni.

Ad esempio, se un recente aggiornamento dell’app crea seri problemi, puoi utilizzare un sito Web di crowdsourcing come APKMirror per scaricare una versione precedente fino a quando il problema non viene risolto. Se ha solo una quantità limitata di dati, un amico può inviarti il ​​file APK di un gioco o un aggiornamento dell’app da installare in locale.

Google non è d’accordo con Xiaomi

Tuttavia, non tutte le aziende sembrano pensare allo stesso modo per gli utenti che esaminano il codice e i file della loro app. Secondo Mishaal Rahman su Twitter, un ingegnere Xiaomi ha presentato una proposta all’Android Open Source Project che vieterebbe ai possessori di dispositivi Android di copiare file APK dal proprio telefono. La logica dichiarata è il desiderio di salvaguardare le “risorse private”.

Xiaomi consiglia di scaricare i programmi solo dal Google Play Store o da un altro app store affidabile. Fortunatamente, Google sembra essere molto contrario alla proposta, anche se non sempre per i motivi che potresti credere. Un Googler sottolinea il problema nel piano di Xiaomi, ovvero che impedirebbe solo l’estrazione dei file APK su una normale build (“utente”) di Android. Il Googler ritiene che in tal caso, gli appassionati installerebbero semplicemente una build di debug di Android e continuerebbero a estrarre gli APK come al solito. Sono contrari all’approccio di protezione di Xiaomi poiché non salvaguarderebbe davvero.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.