Postepay e banche: crescono le truffe contro risparmi dei clienti italiani

Il rischio di imbattersi nelle truffe online è ancora molto elevato per gli italiani che hanno un conto attivo presso i principali istituti di credito presenti in Italia. Particolare attenzione devono fare i clienti che hanno un conto corrente operativo con banche famose ed i titolari della carta ricaricabile Postepay. 

 

Postepay e banche, la truffa che mette in pericolo i risparmi

Proprio a questa fascia di pubblico stanno mirando gli hacker della rete. I clienti di alcune banche e di Postepay anche nelle ultime settimane hanno ricevuto sulle loro mail o via SMS alcuni comunicazioni fasulle. Per mezzo della tecnica del phishing, proponendo finti accrediti sui costi, i cybercriminali cercano di attirare l’attenzione dei lettori.

I messaggi truffa legati a Postepay hanno diversi scopi. I malintenzionati della rete, in primo luogo, desiderano mettere le mani sui dati personali dei lettori. La condivisione non voluta ed automatica delle proprie informazioni sensibili, potrebbe esporre gli italiani a rischi molto seri ed ingenti, quali anche il furto dell’identità digitale e la conseguente attivazioni di profili fasulli in rete.

Ovviamente sempre i clienti di Postepay così come i correntisti di diverse banche, in caso di seguito per le comunicazioni fasulle, potrebbero anche trovarsi attivati una serie di servizi a pagamento sui profili tariffari TIM, Vodafone e WindTre.

Lo scenario maggiore, ad ogni modo, resta quello legato alle credenziali di home banking. Se gli hacker dovessero entrare in possesso di queste credenziali, il rischio di perdere ingenti capitali in pochi secondi sarebbe a dir poco molto alto.