Banche, doppio pericolo per i clienti e per i loro risparmi

I grandi rischi legati ai conti correnti in Italia sono ancora all’ordine del giorno. Nel corso di queste ultime settimane, molti clienti dei principali istituti di credito in Italia hanno avuto a che fare con una serie di pericolose truffe. Tanti clienti di BNL hanno segnato, in tal senso, alcune importanti anomalie.

Banche e BNL, così le truffe arrivano via mail ed SMS

Proprio i clienti BNL sono vittime dei tentativi di phishing da parte dei malintenzionati. Fingendosi parte dei gruppi assistenza dei relativi gruppi bancari, gli hacker inviano finti messaggi via mail o SMS agli utenti BNL, promettendo accrediti sul conto dal valore anche superiore ai 1000 euro.

L’obiettivo dei cybercriminali è quello di indirizzare i lettori a cliccare su alcuni link in allegato. Proprio attraverso questi link si materializzano i tentativi di truffa dei cybercriminali.

Gli utenti che cliccano su questi link condividono in automatico le loro informazioni personali. Gli hacker che si nascondono dietro queste comunicazioni, pertanto, hanno gioco facile nel dar vita a furti d’identità e nel creare una serie di profili fake sul web.

Questi messaggi portano a conseguenze ancora peggiori in caso di condivisione per le credenziali home banking. I clienti BNL che condividono in automatico questi dati potrebbero trovarsi in grande pericolo. Bastano infatti pochi secondi a tutti gli hacker, con le credenziali home banking, per rubare anche ingenti parti dei proprio risparmi. Già molti clienti nelle scorse settimane hanno denunciato episodi del genere.