benzina diesel sconti

Mentre la Germania discute di uno sconto sui carri armati, l’Italia è già oltre: il governo di Roma ha deciso di ridurre le tasse su benzina e diesel. Il litro costa meno di 30 centesimi e ora costa di nuovo meno di 2 euro.

In Italia, dopo l’entrata in vigore di un decreto legislativo, in Ucraina i prezzi di benzina e diesel sono tornati ai livelli prebellici. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi aveva deciso di rinunciare ad alcune tasse risparmiando cosi 30,5 centesimi per litro di benzina o diesel.

La misura, che inizialmente dovrebbe applicarsi per un mese fino alla fine di aprile, è entrata in vigore martedì. Ma è stato solo mercoledì che tutte le stazioni di servizio del paese hanno accettato i prezzi ora ridotti.

Un sali e scendi pericoloso

Dopo che sia la benzina che il diesel erano arrivati a costare più di 2,20 euro al litro la scorsa settimana, il prezzo è ora sceso di nuovo ben al di sotto della soglia dei 2,00 euro. I 30,5 centesimi esentati per i cittadini sono calcolati a partire da 25 centesimi di imposta sui consumi (accisa) più l’IVA applicabile.

Inoltre, Roma vuole aiutare gli italiani con ulteriori misure nella lotta all’aumento dei prezzi dell’energia. Ad esempio, 5,2 milioni di famiglie a basso reddito riceveranno aiuti per le bollette del gas e dell’elettricità, 1,2 milioni in più rispetto a prima della guerra. Mentre le aziende ora possono pagare le bollette a rate.

Complessivamente, il pacchetto di misure costerà circa quattro miliardi di euro, come ha affermato mercoledì il premier Mario Draghi in un discorso in Parlamento. Questo non dovrebbe essere pagato dal bilancio, ma attraverso la tassazione straordinaria degli utili delle società energetiche. “In questa crisi, ognuno deve fare la sua parte“, ha detto Draghi.

FONTEhttps://new.fox-24.com/world/272089.html
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it