guerra Putin

Le garanzie di sicurezza e il ripristino dell'”integrità territoriale” del paese sono richieste chiave nei colloqui di pace con la Russia, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy in un discorso la scorsa settimana.

In un discorso di 9 minuti, condiviso su Telegram da un consigliere del governo ucraino, Zelenskyy ha segnato il 21° giorno di guerra esponendo le sue priorità nei negoziati. Il discorso è arrivato dopo che i funzionari di entrambi i paesi hanno segnalato che i negoziati stavano facendo progressi, con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che ha affermato che c’era “una speranza di raggiungere un compromesso”.

Il presidente dell’Ucraina si è rivolto anche agli aiuti umanitari, chiedendo aiuto. “Mercoledì non hanno funzionato. L’esercito russo non ha smesso di bombardare, non ha garantito la sicurezza”.

Molti funzionari sono stati rapiti

Nel discorso, ha anche affermato di aver parlato con il sindaco di Melitopol, che funzionari ucraini hanno affermato che le forze speciali hanno esfiltrato dopo essere stati catturati dalle forze russe.

Ivan Fedorov è libero“, ha detto. “Gli ho parlato oggi. I militari russi lo hanno rapito l’11 marzo, cercando di convincerlo a collaborare. Ma il nostro uomo ha resistito. Non si è arreso”.

Zelenskyy ha concluso il suo discorso, affermando che “i negoziati per il bene dell’Ucraina” erano in corso con la delegazione russa.

“Le mie priorità nei negoziati sono assolutamente chiare: fine della guerra, garanzie di sicurezza, sovranità, ripristino dell’integrità territoriale, garanzie reali per il nostro Paese, protezione reale per il nostro Paese” ha infine concluso il Presidente, che continua a resistere nonostante l’avanzata Russa e i bombardamenti.

VIAhttps://www.businessinsider.com/zelenskyy-lays-out-demands-for-ukraine-russia-peace-talks-2022-3?r=US&IR=T
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it