CRIPTOVALUTE mining europa

La commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento europeo ha votato contro una proposta di norma che avrebbe effettivamente bandito bitcoin e molte altre criptovalute in tutta l’Unione europea a causa dell’energia che consumano per essere prodotte.

La norma proposta avrebbe aggiunto il divieto del mining proof-of-work di Bitcoin al nuovo disegno di legge Markets in Crypto Assets (MiCA) che creerà presto un ampio quadro normativo per le criptovalute nel blocco dei 27 membri.

Sebbene il governo sostenuto dai Verdi e da altri gruppi parlamentari fosse stato sconfitto in precedenza, si credeva che questo voto sarebbe stato molto vicino. Alla fine, il voto è stato 34-27. Ma la regola potrebbe essere aggiunta come emendamento quando il disegno di legge passerà attraverso il resto del processo di votazione.

La prova del lavoro viene utilizzata da Bitcoin e altri blockchain che funzionano allo stesso modo. Ciò include le principali criptovalute utilizzate per i pagamenti: Ethereum’s ether, Litecoin, bitcoin cash e persino memecoin dogecoin.

La maggior parte delle blockchain sviluppate negli ultimi anni utilizza la proof of stake, o PoS, un’alternativa molto meno dispendiosa dal punto di vista energetico.

Ciò includerà presto Ethereum, la blockchain n. 2 sia per capitalizzazione di mercato che per uso di energia, che sta passando a PoS in un enorme processo lungo anni. Tuttavia, tale decisione si basava maggiormente sulla necessità di migliorarne la scalabilità per diventare una piattaforma di pagamento efficace.

Sarebbe impensabile farlo diventare illegale

Tuttavia, è molto improbabile che Bitcoin segua, o addirittura possa, seguire l’esempio. Per prima cosa, Ethereum ha una base influente che ne spinge lo sviluppo. Dall’altro, Bitcoin non ha altro bisogno pressante come Ethereum, che stava rallentando a passo d’uomo, al punto da perdere progetti e supporto alle piattaforme PoS concorrenti.

Oltre a ciò, i 15.000 operatori di nodi di Bitcoin che sono sparsi in tutto il mondo, non così coordinati come lo sono quelli di Ethereum, e provengono da una mentalità molto più libertaria che si ribellerebbe a ciò che sarebbe visto come un accondiscendente a un’autorità governativa.

Invece, il comitato ha votato per aggiungere le criptovalute PoW alla tassonomia della finanza sostenibile dell’UE che definisce se un’attività può essere etichettata come rispettosa dell’ambiente entro la fine del 2024.

Poiché il mining è essenzialmente una corsa per risolvere un enigma matematico, i minatori hanno investito milioni in computer sempre più veloci e ad alto consumo di energia progettati esclusivamente per il mining di bitcoin. I requisiti di alimentazione ora superano l’energia utilizzata annualmente dai Paesi Bassi.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it