whatsapp

WhatsApp consente agli utenti di connettersi tramite chiamate vocali, note vocali e messaggi di testo. Durante la prima installazione dell’applicazione su un dispositivo, l’applicazione invia un codice di verifica al numero di cellulare inserito dall’utente. Tuttavia, quando un utente accede a WhatsApp utilizzando il client desktop, la piattaforma non invia alcun codice di verifica all’utente. In futuro, WhatsApp aggiungerà un livello di sicurezza al client desktop.

Secondo un rapporto di WABetaInfo, WhatsApp sta lavorando alla verifica in due passaggi per il suo client desktop. La funzionalità è attualmente in fase di sviluppo e potrebbe essere lanciata in un aggiornamento in futuro. La società ha anche condiviso uno screenshot della funzionalità in fase di sviluppo. Gli utenti potranno disabilitare o abilitare la verifica in due passaggi sul client desktop e potranno modificare il PIN e gestire l’indirizzo email sul client desktop.

Come funzionerà questo nuovo update

Come accennato nel report, “questo è molto importante soprattutto quando perdi il telefono e non ricordi il PIN. Potrai ripristinarlo richiedendo un link di ripristino, se temporaneamente non riesci ad accedere al tuo account di posta”.

Il menu della verifica in due passaggi di WhatsApp dice che “la verifica in due passaggi è abilitata. Dovrai inserire il tuo PIN quando registrerai nuovamente il tuo numero di telefono con WhatsApp“.

Il processo di migrazione utilizzerà molto probabilmente un cavo o una connessione Wi-Fi privata ed entrambi i dispositivi dovranno avere l’app installata. Secondo quanto riportato da GSM Arena, il codice sorgente scoperto in WhatsApp 22.2.74 beta per iOS lo ha recentemente rivelato. Attualmente, possedere uno smartphone prodotto da Samsung è l’unico modo certificato per sincronizzare i dati di WhatsApp tra un telefono iOS e Android. Il trasferimento da un iPhone a un Samsung funziona in un modo, utilizzando il cavo e l’app SmartSwitch di Samsung, secondo GSM Arena.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it