coronavirus natale

L’Europa sta affrontando un inverno potenzialmente devastante che potrebbe vedere mezzo milione di persone morire di Covid-19, secondo quanto riferito dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) giovedì durante l’annuncio che dichiarava un aumento dei casi.

Gran parte dell’Europa sta combattendo picchi di infezioni, con la Germania che giovedì ha riportato il numero più alto di nuovi casi giornalieri dall’inizio della pandemia. E in un nuovo terribile comunicato, il direttore regionale dell’OMS Hans Kluge ha affermato che il ritmo di trasmissione in tutta la regione è di “grave preoccupazione“. “Siamo, ancora una volta, all’epicentro“, ha detto Kluge in una nota.

Secondo una proiezione affidabile, se rimaniamo su questa traiettoria, potremmo vedere un altro mezzo milione di morti per COVID-19 in Europa e in Asia centrale entro il primo febbraio del prossimo anno”, ha avvertito.

Ampie aree del continente stanno combattendo per respingere le ondate della variante Delta, che ha complicato l’allentamento delle restrizioni in molti paesi. L’Europa orientale è particolarmente colpita; i casi sono a livelli record in Russia e ora in Germania, mentre la capitale dell’Ucraina Kiev ha introdotto lunedì nuove severe restrizioni.

Una situazione ingestibile sotto le feste

Molti esperti hanno espresso preoccupazione per il fatto che un ulteriore aumento delle infezioni, insieme ai raffreddori invernali stagionali, potrebbe mettere gli operatori sanitari sotto una pressione ingestibile durante Natale e nel nuovo anno.

Nel suo ultimo aggiornamento settimanale, l’OMS ha affermato che l’Europa ha registrato un aumento del 6% dei casi rispetto alla settimana precedente. Questo è stato il più alto di qualsiasi regione globale, con ogni altra regione che ha registrato “diminuzioni o tendenze stabili”.

Siamo in un altro punto critico della ripresa della pandemia“, ha detto Kluge. Ha incolpato due fattori per la nuova ondata; l’allentamento delle misure contro il Covid-19 e la mancanza di copertura vaccinale nei Balcani e verso l’est del continente.

Mercoledì il ministro della salute tedesco Jens Spahn ha avvertito che sono necessarie misure più severe per coloro che si rifiutano di vaccinarsi. Spahn ha anche detto ai giornalisti in una conferenza stampa giovedì che gli è stato chiesto il certificato di vaccinazione a Roma durante il G20 più spesso in un giorno che in Germania in quattro settimane.