squid-game-app-google-play-eset-malware-joker

Occhi aperti e molta attenzione sono necessari oggigiorno prima di scaricare e installare un’applicazione sul proprio dispositivo. È necessario tenere alto il livello di sicurezza anche quando il download avviene dagli store ufficiali di Android e iOS. Infatti, notizia di pochi giorni, Squid Game continua a fare vittime, ma questa volta a causa di app pericolose. Scopriamo insieme quella che sul Google Play Store sta rovinando molti utenti. Ecco i dettagli.

 

Squid Game: attenzione a Squid Game Wallpaper l’app che nasconde Joker

Purtroppo siamo ancora alle solite. Sebbene Play Protect funzioni a dovere, ci sono alcuni sviluppatori che riescono a intrufolare applicazioni al cui interno nascondono pericolosi malware. È questo il caso di Squid Game Wallpaper, un’app presente nel Play Store di Google e che moltissimi utenti hanno già scaricato e installato sul loro dispositivo.

A scoprire la pericolosità di quest’app è stata la nota software house di sicurezza e sistemi antivirus, ESET. In particolare, Luka Stefanko, ricercatore e dipendente di questa società, ha individuato nell’applicazione sopra citata Joker, un pericoloso e conosciuto malware che infetta qualsiasi dispositivo Android.

In realtà, da quanto si apprende, sono oltre 200 le app infettate presenti sul Google Play Store a tema dell’ormai nota e famosissima serie TV Netflix. Tuttavia la più pericolosa in assoluto è proprio Squid Game Wallpaper. Perché?

Il motivo è subito spiegato e risiede nell’obiettivo del malware Joker: rubare tutti i dati sensibili, le password, ma soprattutto le credenziali di accesso bancarie. Questo fa sì che, in un batter d’occhio, hacker esperti riescano, grazie a quest’app pericolosa, a svuotare il conto corrente della vittima.

Stando a quanto indicato da ESET, non sono state mai sviluppate, fino ad oggi, app ufficiali da Squid Game. Ecco perché è importantissimo non scaricarne, né installarne, alcuna. Nel caso l’aveste già fatto è fondamentale disinstallarla subito e procedere con il ripristino ai dati di fabbrica del dispositivo.

FONTETwitter