squid-game-truffa-criptovaluta

Ormai Squid Game, la serie TV Netflix sudcoreana in lingua originale, è diventata un fenomeno. Sta facendo impazzire tutti in tutto il mondo, nessuno escluso. Attorno a lei sono stati realizzati giochi, eventi e videogame per cavalcare l’onda della sua fortuna. Addirittura alcuni hanno inventato una sua criptovaluta. Purtroppo però Squid Game, questa serie TV Netflix di successo, continua a lasciare danni dietro di sé. Infatti, una brutta sorpresa ha colpito gli investitori nel token creato in onore di questo titolo.

 

Squid Game: chi ha creato la crypto è scappato con 2,1 milioni

Brutta storia quella della criptovaluta non ufficiale di Squid Game. In pochissimo tempo gli investitori si sono ritrovati, da una crescita del token pari al 310 mila%, raggiungendo quota 2.861 dollari, a un valore di 0,003 dollari. Una sorpresa che non avrà di certo fatto dormire sonni tranquilli a chi aveva creduto in questo nuovo meme.

In senso metaforico anche in questo caso Squid Game ha lasciato diversi cadaveri dietro di sé. Ma stavolta non a causa della violenza che caratterizza la sua trama. La colpa è di un pugno di ideatori che hanno realizzato una criptovaluta in suo onore. Cosa è stato a ridurre così la crypto che in un batter d’occhio è caduta nel baratro? A spiegarlo bene è stato Il Sole 24 Ore, quotidiano nazionale esperto in economia e finanza:

Motivo: Twitter ha limitato temporaneamente l’account della criptovaluta per ‘attività sospette‘. Da quanto si apprende, l’operazione è stata tutta un grande ‘rug pull‘, situazione che si verifica quando gli sviluppatori di una criptovaluta abbandonano un progetto e scappano con i soldi degli investitori. Il token è stato reso disponibile per l’acquisto il 20 ottobre con l’idea che la criptovaluta sarebbe stata un ‘pay-to-play‘ per giocare a un gioco online, ispirato per l’appunto a Squid Game, la serie di successo sudcoreana in cui persone pesantemente indebitate praticano versioni mortali di giochi per bambini allo scopo di vincere denaro“.

FONTEIl Sole 24 Ore