chip auto

La crisi della disponibilità di semiconduttori si è trasformata ancora una volta in un grave ostacolo per le case automobilistiche del paese che controllano il 70% del mercato. Questa situazione d’emergenza ha fatto rallentare di molte le vendite di ottobre.

Le vendite totali di veicoli durante il mese sono diminuite del 21 % a 238.679 unità rispetto alle 302.170 unità dell’anno precedente (si è preso in considerazione la produzione delle case automobilistiche più importanti). Il calo dei volumi arriva tra il settore seduto su ordini in sospeso di oltre 350.000 unità.

Maruti Suzuki ha registrato un crollo del 33% nei volumi all’ingrosso di veicoli per passeggeri a ottobre arrivando a 108.991 unità a causa dell’esaurimento dei semiconduttori. La società con sede a Delhi e la sua società di produzione a contratto avevano ridotto la produzione in ottobre del 40% a causa della carenza di chip.

La seconda, Hyundai, ha registrato un calo dei volumi del 34% su base annua a 37.021 unità a ottobre. Hyundai Motor India è riuscita a tenere a bada a lungo il problema della carenza di chip, ma i numeri di ottobre mostrano che la situazione ha paralizzato la sua produzione.

Tata Motors, la terza in termini di volumi, ha venduto 33925 unità nel mese di ottobre, registrando una crescita del 44% rispetto allo stesso periodo dell’anno fa. La flotta comprendeva 1586 veicoli elettrici.

Altre case automobilistiche oltre oceano

Il marchio automobilistico coreano Kia ha registrato un calo dei volumi del 22% nel mese di ottobre a 16.331 unità rispetto allo scorso anno. Il calo può essere attribuito alla carenza di chip, sebbene Kia India non ne abbia ancora parlato ufficialmente.

I volumi di Toyota Kirloskar sono rimasti stabili a 12.440 unità, con una crescita dello 0,54 percento, nel mese di ottobre. L’azienda con sede a Bengaluru afferma di aver visto un costante aumento della domanda.

La domanda sul mercato è stata robusta negli ultimi mesi e ciò può essere attribuito a vari fattori, oltre alla domanda repressa. Anche gli ordini dei clienti sono in costante aumento, ripristinando la normalità nelle tendenze della domanda rispetto ai tempi pre-COVID“, ha affermato Wiseline Sigamani, Associate General Manager, Sales and Strategic Marketing di TKM.