Il nuovo fenomeno di Netflix si intitola Squid Game, la serie TV di estrazione coreana ha conquistato letteralmente il mondo intero, diventando la serie più guardata in tutto il pianeta con ben 111 milioni di visualizzazioni nel primo mese di distribuzione un valore incredibile che nessuna serie aveva mai raggiunto prima.

A colpire maggiormente nella serie sono stati i contenuti che trattano di temi attualmente molto moderni come la disparità di classe, il tutto imbastito però in un contesto decisamente fuori dalle righe e a stampo anti-capitalistico, con un risultato che però è capitalistico eccome, questo è quanto è emerso a seguito di un’analisi di Bloomberg, il quale ha analizzato i costi e la capacità di produrre profitto della serie TV.

 

Costi importanti ma guadagni mostruosi

Stando a quanto emerso l’intera prima stagione di Squid Game è cosata la bellezza di 21,4 milioni di dollari, circa 2,4 milioni di dollari a episodio, per un guadagno corrisposto però pari alla cifra monstre di 900 milioni di dollari, nel dettaglio parliamo di 891,1 milioni di dollari di impact value, una metrica usata da Netflix per quantificare le performance di ogni singolo contenuto pubblicato sulla sua piattaforma.

Ecco i numeri da capogiro:

  • Ben 132 milioni di utenti hanno visto almeno 2 minuti entro i primi 23 giorni di lancio della serie
  • L’89% degli utenti che hanno iniziato il contenuto ne hanno visto almeno più di un episodio
  • 87 milioni di persone hanno finito di vedere la serie nei primi 23 giorni
  • Il totale complessivo di ore di visione della serie ammonta a ben 1,4 miliardi di ore.