squid-game-netflix-obbligata-a-oscurare-una-scena-della-serie-tv

Continua l’enorme e discusso successo di Squid Game che ha lasciato sorpresa la critica di tutto il mondo. Posizionatasi tra le Top Ten in 90 Paesi, è il primo titolo in lingua originale che ha raggiunto un così alto livello di consensi. Tuttavia Netflix è stata obbligata a oscurare una scena della nuova serie TV sudcoreana. Comunque non ci sono dubbi che Squid Game è un fenomeno che sta facendo impazzire tutti. Scopriamo insieme i singolari dettagli di questa vicenda che ha del tragicomico.

 

Squid Game: Netflix obbligata a oscurare una scena

Squid Game, serie TV sudcoreana in lingua originale, ha raggiunto in pochissimo tempo un successo incredibile. Tanto da essere oggi considerata un vero e proprio fenomeno sia mediatico che popolare. A beneficio di chi ancora non conoscesse questo titolo, ecco la sinossi ufficiale in lingua italiana:

Un misterioso invito a partecipare alla gara è inviato a persone con un disperato bisogno di denaro. I 456 partecipanti di ogni ceto sociale sono intrappolati in un luogo segreto dove competono per vincere 45,6 miliardi di won. A ogni turno si cimentano in un popolare gioco coreano per l’infanzia come ‘Un, due, tre, stella’, ma chi perde… muore. Chi vincerà e qual è il vero motivo della gara“.

Torniamo al motivo principale di questo articolo. Cosa è successo in Squid Game tanto che Netflix ha dovuto oscurarne una scena? Molto semplicemente durante uno degli episodi della serie viene mostrato un numero di telefono che, stando ai produttori, era stato inventato di sana pianta. Peccato però che molti spettatori hanno deciso di comporre quel numero per vedere cosa sarebbe successo e chi avrebbe risposto.

In sostanza nulla che centrasse con Squid Game. Solo un povero signore sulla quarantina che a un certo punto della sua vita ha iniziato a ricevere migliaia e migliaia di chiamate. Un incubo più di quello che hanno dovuto affrontare i 456 partecipanti indebitati? Diciamo di sì, ma solo perché in questo caso si tratta della dura realtà e non di una finzione realizzata appositamente per intrattenere il pubblico.