criptovalute cina bitcoin

Il valore del bitcoin è crollato ancora una volta dopo che è stato annunciato che la Cina ha deciso di bandire tutte le transazioni delle criptovalute e vietato il mining in qualsiasi zona del territorio.

In una dichiarazione condivisa sul sito web della People’s Bank of China, è stato confermato che tutte le transazioni relative alle criptovalute saranno considerate illegali in futuro, e ciò include gli scambi off-short. Le criptovalute non sono una valuta legale, il che significa che alle banche non viene concesso il controllo sulla valuta.

Le attività commerciali legate alla valuta virtuale sono attività finanziarie illegali”, ha affermato la banca nella sua dichiarazione, avvertendo che le criptovalutemettono seriamente in pericolo la sicurezza dei beni delle persone”.

Un problema di riciclaggio di denaro

A seguito della notizia, secondo Bloomberg, il bitcoin è sceso fino all’8%. La principale preoccupazione per i funzionari cinesi quando si tratta di criptovalute, almeno nella dichiarazione condivisa, sembra incentrarsi sulla sua connessione all’uso comune nelle frodi e nel riciclaggio di denaro, nonché sui problemi di utilizzo dell’energia presentati dal settore minerario.

Sebbene l’impatto della decisione della nazione sia stato avvertito immediatamente, alcuni hanno suggerito che l’impatto a lungo termine potrebbe non essere così grave.

Il divieto della Cina su tutte le attività di trading di criptovalute avrà un impatto a breve termine sulla valutazione della valuta, ma è probabile che le implicazioni a lungo termine vengano smorzate“, ha affermato Ganesh Viswanath Natraj, assistente professore della Warwick Business School.

La Cina è la patria dei più cripto minatori del mondo, nonostante abbia ancora pochi investitori. Bloomberg ha anche affermato che alcuni miners avevano previsto questa mossa, spostando alcune centrali importanti fuori dal paese preventivamente..