Vivo, brevetto, smartphone, deviceVivo ha annunciato una importante novità per i propri prodotti, in particolar modo i modelli lanciati nel 2021, con l’ultimo aggiornamento software arriverà la modalità Extended RAM 2.0.

La funzione, già vista in passato ad esempio su X60 Pro, permette di beneficiare di ulteriore memoria RAM (fino ad un massimo di 4GB), sebbene fisicamente non sia presente. Viene difatti allocata ed utilizzare una parte della memoria interna, come RAM addizionale, il tutto (dis)attivandosi in maniera completamente automatica ed intelligente.

Il meccanismo, a livello di user-experience, si traduce in performance decisamente più elevate e fluide, sopratutto nel momento in cui si utilizzano più applicazioni in contemporanea, o si ha la necessità di passare da un’app all’altra in rapidità.

Vivo: quali smartphone la integreranno

La Extended RAM è già presente su Vivo X60 Pro, il quale partiva da 12GB di RAM fisici con possibilità di aggiungerne altri 3, per un totale di 15, ma con il nuovo aggiornamento diverranno 4GB.

Gli altri due modelli che integreranno tale funzione saranno Vivo V21, il terminale di fascia media, che potrà passare da 4GB di RAM, e Vivo Y72. Il più economico della line-up del 2021, guadagnerà addirittura 4GB di memoria RAM virtuale.

Ettore Patriarca, direttore marketing and retail director di Vivo Italia, commenta di “essere costantemente impegnati nella ricerca di soluzioni, le quali possono migliorare i prodotti e superare le più rosee aspettative degli utenti. L’ultima funzionalità risponde in maniera puntuale alle esigenze in termini di performance, sopratutto nelle situazioni in cui, per necessità, si debbano utilizzare più app in contemporanea”.

L’update verrà rilasciato via OTA nel corso del mese di Settembre 2021.