Postepay: arriva la truffa phishing mediante WhatsApp e Telegram

Avete una Postepay in tasca? Di certo vi ritroverete con una carta piena di servizi e tra le migliori in assoluto per quanto concerne la sicurezza a proposito delle truffe. Prima di iniziare il discorso è infatti doveroso precisare che la celebre carta prepagata non ha alcuna falla che consenta alle truffe di poter penetrare nei conti bancari.

Spesso infatti si tratta dell’ingenuità delle persone, le quali in maniera del tutto arbitraria scelgono di concedere i propri dati personali ovviamente sotto inganno. Un nuovo tentativo di phishing avrebbe infatti messo in ginocchio tantissime persone, facendo credere loro che la comunicazione in arrivo provenisse da Poste Italiane. In realtà l’obiettivo è quello di ottenere i vostri dati personali per poter poi accedere al vostro conto e svuotarlo senza che voi ve ne accorgiate. 

 

Postepay: questa è la nuova truffa phishing che sta girando in questi giorni

Gentile Cliente,
Siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di sospendere le vostre operazioni sul nostro sito e sulla vostra carta poichè avete ignorato la precedente richiesta di conferma della vostra identità e di attivazione dei servizi DSP2 che è ormai la norma europea.
Per poter riutilizzare la sua carta si prega di confermare le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche.
L’aggiornamento di un giorno obbligatorio.
Ti ringraziamo in anticipo per il tempo che ci dedicherai.
Per iniziare:
  CLICCA QUI  
Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di :
  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS.
  • Effettuare ricariche.
  • Effettuare pagamenti online o su POS.
  • Effettuare bonifici bancari .