green-pass-utenti-ricattati-dopo-averli-acquistati-su-telegram

Continuano le vicende sui Green Pass in vendita su Telegram. Truffa nella truffa, gli utenti sono stati ricattati dopo averli acquistati. Ben gli sta a tutti loro che, volendo aggirare le leggi dello Stato in un momento di emergenza sanitaria, ora si trovano tra l’incudine e il martello. Denunciare il fattaccio e così rivelarsi alle forze dell’ordine per questo tentativo di frode, oppure pagare il riscatto per non finire nei guai? La scelta migliore sta sempre nella legalità. Ecco tutti i dettagli.

 

Green Pass: ricatti e minacce a chi pensava di fare il furbo

A rivelare quanto sta accadendo tra le fila dei canali Telegram adibiti alla vendita di Green Pass illegali è l’esperto in cybersicurezza Matteo Flora che, con un tweet, ha svelato una truffa nella truffa. In pratica tutti gli utenti che hanno deciso di aggirare lo Stato pensando di fare i furbi con la certificazione Covid-19, ora si trovano sotto ricatto e minacce.

Cerchiamo di capire meglio la vicenda. Un utente si iscrive ad uno di questi canali Telegram perché non ancora vaccinato, ma vuole poter viaggiare o andare al ristorante. Quindi ordina il Green Pass secondo il listino disponibile e redatto dai cybercriminali. Una volta inviata la somma in euro per procedere con la produzione e la consegna, si parla dai 150 ai 350 euro, insieme l’utente inoltra tutti i suoi dati con la richiesta. Stiamo parlando quindi di Codice Fiscale e Carta di Identità.

Da qui si aspetterebbe di ricevere il Green Pass promesso, ma vi ricordiamo che dall’altra parte ci sono hacker esperti. Infatti l’utente, con sorpresa, riceve un messaggio nel quale viene intimato a pagare 350 euro in Bitcoin altrimenti tutti i suoi dati con le prove della frode saranno inviate alle forze dell’ordine.

Quindi, chi pensava di fare il furbo, oggi si sta trovando in difficoltà. Denunciare l’accaduto smascherando tutta l’operazione che li vede a loro volta coinvolti, o pagare il riscatto con la speranza che tutto possa finire al più presto? Il nostro consiglio è quello di intraprendere sempre la via della legalità e se avete sbagliato, ammettete i vostri errori ed evitate di finire in un circolo pericoloso che non troverà mai una fine.

FONTEEveryeye.it