Canone RAI: questa volta sarà addio davvero, ufficialmente fuori dalle bollette

Una sorta di ritorno al passato sta per interessare anche il canone Rai. Una delle tasse più odiati dagli italiani sarà ufficialmente estromessa dalla bolletta elettrica, soluzione che era stata adottata con la riforma Renzi.

Attualmente, grazie alla controriforma attuata dal Governo Draghi, la situazione sta per cambiare.Ricordiamo che all’interno della bolletta dell’elettricità è attualmente è incluso anche il canone Rai per un totale di circa 9 euro al mese per 10 mesi per una somma complessiva annua pari a 90 euro. La nuova riforma quindi porterà all’estromissione, con gli utenti che dovranno pagare tale tassa al di fuori delle utenze.

In realtà grande spinta per il cambiamento di questa forzata abitudine per gli italiani è arrivata da parte dell’UE. Da Bruxelles infatti è stato richiesto di eliminare quelli che sono detti secondo loro “oneri impropri” dai costi dell’energia. Il tutto per motivi di trasparenza e rispetto della concorrenza. L’attuale Presidente del Consiglio Mario Draghi ha accettato immediatamente. 

 

Canone RAI: niente più pagamento nella bolletta elettrica, a decidere è Draghi con la regia dell’UE

È quindi ufficiale l’impegno del Governo italiano nel cancellare il pagamento diretto in bolletta del canone Rai. Questa nuova riforma va quindi a rispettare l’impegno preso nei confronti dell’unione europea all’interno del Piano Nazionale di ripresa e resilienza. In quest’ultimo ricordiamo che viene promessa la cancellazione dell’obbligo per tutti i venditori di elettricità di “raccogliere tramite le bollette somme che non sono direttamente correlate con l’energia“.

Si ritorna quindi al passato, con gli italiani che pagheranno questa tassa a parte e non in maniera forzata.