wind tre multa

Grossi guai per Wind Tre in questi giorni: secondo quanto riportato dall’AGCOM infatti (Autorità e Garante delle Comunicazioni) sarebbero scattati dei provvedimenti disciplinari nei confronti della società di telecomunicazioni, che si e´vista multare per una sanzione di circa 174mila euro.

Il motivo? Secondo quanto dichiarato all’interno del rapporto, ci sono state delle incongruenze che riguardavano il riepilogo annuale delle condizioni contrattuali delle offerte mobile e per la rete fissa. Di norma, questo riepilogo va infatti comunicato tramite un sistema automatico che avvisa l’utente che le sue condizioni contrattuali potrebbero essere cambiate, ma questa volta sembra che non sia successo.

Secondo quanto dichiarato da Antonella Votta, avvocato esperto nel settore TCL, leggiamo che: “L’intervento dell’Autorità è importante per due motivi. Il primo è che le sanzioni inflitte ristabiliscono il giusto ordine nei rapporti tra compagnie e utenti, con questi ultimi che devono essere informati sul contratto firmato. Il secondo è che con questi provvedimenti viene posto l’accento su un tema troppo spesso sottovalutato o trattato in maniera marginale, ovvero i diritti dei consumatori. Siamo assaliti dalle pubblicità, ogni giorno riceviamo offerte, promozioni e sconti, ma poi, una volta sottoscritto il contratto, improvvisamente le compagnie si dimenticano di noi.

Bisogna migliorare i servizi informativi

Questo e’ quanto dichiarato dall’avvocato in un’intervista riportata sul quotidiano QuiBrescia, che conclude con una riflessione volta al miglioramento dei servizi informativi che dovrebbero aiutare l’utente nella comprensione dell’offerta:

Ricevere assistenza è complicato e, ancor di più, diventa un’impresa ottenere aggiornamenti sul proprio piano tariffario, magari quando compaiono disservizi oppure spuntano condizioni non illustrate in maniera adeguata nella prima fase informativa. Inviare il riepilogo annuale delle condizioni dell’offerta sottoscritta non è un optional, è un dovere delle società, che devono permettere agli utenti di controllare i costi e confrontarli con le altre offerte presenti sul mercato così da poter fare le opportune valutazioni”.

Ancora una volta quindi ringraziamo l’AGCOM per l’eccellente lavoro svolto di monitoraggio e analisi sul mercato italiano, sperando che situazioni del genere non si ripetano piu in futuro. Se vuoi ricevere altre informazioni a riguardo, segui questo link per rimanere sempre aggiornato.