mascherine-high-tech-uccidono-il-covid-19

Continua la campagna vaccinale in Italia, ma rimane sempre necessario un alto livello di protezione. Anche perché molti non hanno nemmeno ricevuto la prima dose di vaccino. Dispositivi di protezione e igienizzazione di mani, ambienti e superfici sono indispensabili. Inoltre continuano gli studi e la realizzazione di prototipi di mascherine speciali. Da quelle che diagnosticano il virus alle riciclabili. Addirittura sembrano essere pronte e presto in arrivo delle mascherine high tech in grado di uccidere il Covid-19 mentre si respira. Ecco i dettagli.

 

Ecco le mascherine killer capaci di sterminare il Covid-19 con un respiro

Le mascherine high tech capaci di sterilizzare l’aria prima che venga respirata stanno arrivando. Un dispositivo utile nel caso in cui ci si trovi in locali chiusi, come un aereo, o in luoghi affollati, come un supermercato.

Tra l’altro questi nuovi prototipi di mascherine “hanno un certo rigore scientifico“. A confermarlo è Christopher Sulmonte, amministratore del progetto per l’unità di biocontenimento presso la Johns Hopkins Medicine.

Uno dei vantaggi delle mascherine high tech è la loro ecocompatibilità. Sono riutilizzabili più volte, alcune addirittura per sempre e senza doverle gettare. Inoltre, un aspetto positivo non indifferente, tutte puntano al massimo della protezione. Non solo certune sono dotate di sensori che rilevano se indossate in modo corretto, ma esistono di quelle capaci di uccidere il Covid-19.

 

Caratteristiche tecniche e scientifiche

Si tratta di un tipo di mascherine davvero particolare. Al suo interno contiene una rete di rame riscaldata fino a 160 gradi. La maglia del tessuto in rame intrappola il virus mentre l’elevata temperatura lo uccide.

La cosa interessante è che si può utilizzare anche in estate. Infatti il calore prodotto per raggiungere tutti quei gradi non solo viene isolato da un tessuto in neoprene, ma anche contenuto da un dispositivo di raffreddamento che raffredda l’aria prima che sia respirata.

Così il Wall Street Journal descrive queste mascherine high tech: “Le maschere attuali funzionano come barriere alle particelle virali. Questa nuova, che uccide anche batteri e muffe, può essere utilizzata con una batteria da 9 volt. Il team che ci sta lavorando negli Stati Uniti deve ancora costruire e testare prototipi funzionanti e la loro ricerca attuale è stata accettata per la pubblicazione da AIChE Journal, una rivista di ingegneria chimica“.

Nell’attesa per chi è appassionato può ordinare quelle che tecnologicamente per ora sono al top: le mascherine anti Covid-19 Xupermask. Ovviamente non uccidono il virus, ma hanno integrato tutto ciò che serve per essere tecnologicamente all’avanguardia in estrema comodità.

FONTEIl Messaggero