dogecoin-milioni-goldman-sachs

Ormai i Dogecoin sono sulla bocca di tutti, anche più di Bitcoin. Le due criptovalute hanno in comune solo il fatto di essere cresciute mostruosamente nel giro di meno di un anno sostanzialmente. È cresciuto di oltre il 1000% proprio in dodici mesi e in poco tempo in molti si sono ritrovati milionari, se non miliardari.

Un esempio è un banchiere di Goldamn Sachs che ha deciso di abbandonare l’enorme banca grazie ai guadagni sui Dogecoin. Non si trattava di una posizione di bassa responsabilità, ma era l’amministratore delegato e responsabile delle vendite dei mercati emergenti. In sostanza, guadagnava già parecchio di suo.

Non è chiaro quanto abbia guadagnato tramite il suo account personale con i Dogecoin, ma gli è bastato per decidere di mollare tutto. Potrebbe anche essere il proprietario dell’account anonimo sta seduta su due miliardi di dollari di questa criptovaluta.

 

Dogecoin: la criptovaluta anomala

L’uomo in questo ha lavorato per ben 14 anni nella banca e probabilmente è riuscito ha investito fin da subito nella moneta mettendoci dentro una fetta del suo stipendio e poi dimenticatosene. A molti è successo questa cosa. Molti account non attivi da mesi e mesi si sono attivati ultimamente grazie al fatto che il valore dei Dogecoin è schizzato in alto.

Attualmente Dogecoin si è un attimo stabilizzato, anche solo per qualche giorno, il che è strano visto il sale e scendi delle ultime settimane. Nonostante un nuovo tweet di Elon Musk, la possibilità di comprare Tesla con la suddetta criptomoneta, è rimasta ferma quando avrebbe potuto di nuovo salire.