ps5-meno-unit-cina-vendite

Sony ha ufficialmente dato il via alla vendita delle PS5 per il mercato cinese, per essere più precisi i pre-ordini mentre la vendita diretta inizierà solo il 15 maggio, ma rimane il fatto che è tutto pronto. Questo vuole dire una cosa, ancora meno unità per tutti gli altri mercati in quanto l’aumento di produzione rimane vincolato alla situazione mondiale.

Il lancio arriva il giorno dopo il rilascio dei dati sulle vendite di PS5 nei primi 5 mesi di vita. Si parla di 7,8 milioni di unità, un record assoluto per le console gaming, ma rimane un numero molto più basso della domanda da parte dei consumatori. Questa notizia farà sicuramente piacere ai utenti in Cina, solo a loro però.

Fino adesso in Cina si poteva acquistare una PS5 sul mercato grigio, ma con prezzi gonfiati. Adesso finalmente Sony ha posto rimedio anche il costo sarà più alto rispetto a che in Europa e negli Stati Uniti. Si parla di 600 dollari per la versione con lettore del disco fisico e 479 dollari per quella digitale.

 

PS5: l’attesa sarà molto lunga

Sarà comunque interessante vedere se la PS5 avrà successo in Cina e la principale rivale è il Nintendo Switch. Per ora Sony ha annunciato solo tre giochi per il mercato in questione, Sackoy, Ratchet and Clank e Genshin Impact. Tutti i giochi che arriveranno per gli altri mercati difficilmente verranno subito introdotti anche nel paese a causa della censura.

Tornando al discorso delle poche unità disponibili, la situazione non migliorerà per niente, peggiorerà di molto. La produzione di PS5 è molto più bassa della domanda a causa della carenza di chip. Aprire le vendite a un altro mercato non fa altro che aumentare la domanda e quindi ci sarà bisogno di togliere le unità destinate a un mercato per portarle a quello nuovo.