Black Mirror

Black Mirror è stata una delle serie TV Netflix più particolari uscite finora. Un titolo distopico che ha saputo sconvolgere gli schemi naturali delle solite narrazioni. La sua antologia ha saputo catturare il pubblico proprio per le sue differenze. Ma siamo sicuri che una stagione 6 funzionerebbe? Ecco perché alcuni dicono di sì mentre altri invece dicono di no.

 

Black Mirror 6? Sì, sarebbe un successo

Perché secondo alcuni Black Mirror 6 sarebbe un successo? Il motivo risiederebbe proprio nelle caratteristiche che hanno reso questa serie TV così apprezzata e differente dalle altre. Se agli inizi la capacità dei produttori è stata quella di realizzare qualcosa che ha sovvertito la tradizione in merito al genere “serie TV”, ora l’innovazione starebbe nel discostarsi da questa peculiarità.

In sostanza Black Mirror 6 potrebbe piacere se sovvertisse i piani dalle precedenti stagioni, un po’ come questo titolo ha fatto con il cliché ormai in voga. Ma secondo i più una sesta stagione non sarebbe certo vincente.

 

Nessuna vittoria se si dovesse optare per una sesta stagione

Per molti Black Mirror 6 non potrebbe proprio funzionare. Per chi la pensa in questo modo l’unico motivo è da individuare nell’originalità. Cosa ha reso questo titolo famoso? Proprio il suo essere insolito, stravagante e autentico. Ormai le storie narrate in questa serie TV hanno attinto a tutti i disagi collettivi del mondo moderno. Cos’altro ci sarebbe da raccontare?

La critica peggiore arriva per la stagione 5 di Black Mirror nella quale diversi hanno constatato già una discesa verso l’ovvio. Sempre interessante, ma non più strano. Tra l’altro anche il creatore di questa serie TV ha deciso di dedicarsi ad un altro progetto. E molto probabilmente nemmeno lui aveva così tanta voglia di reinventare ciò che forse si sarebbe trasformato in un minestrone insipido.

Sarà interessante vedere la nuova idea di Charlie Brooker. Una sorta di documentario sui fatti accaduti nel 2020 con l’arrivo del Covid-19. Notizie in una chiave un po’ diversa da quella a cui siamo abituati ultimamente. E perché no, anche con un pizzico di ironia alla Black Mirror. Ah no, scusate, si dice black comedy.

VIAVia