IPTV: grande colpo alle organizzazioni, chiuse 5000 piattaforme

Il sistema IPTV si conferma una realtà nel campo della televisione italiana. Purtroppo, al netto delle tante raccomandazioni ed avvertenze, ancora oggi molti clienti si affidano allo streaming illegale. Tendenzialmente, l’IPTV è utilizzato dagli appassionati di calcio e sport che desiderano evitare la doppia sottoscrizione a Sky e DAZN.

 

IPTV, la Serie A gratis con Sky e DAZN: quali rischi per i clienti

Nel corso di questi mesi, sono tornati in auge i vecchi “pezzotti” e al loro fianco si è sviluppata sempre con più forza la tecnologia delle VPN. Per accedere ai contenuti e ai canali di Sky e DAZN senza un ticket regolare, sempre più persone si affidano alla VPN con collegamenti a siti e link stranieri.

Chi sceglie di avvalersi dell’IPTV deve avere piena considerazione anche dei possibili rischi. Il primo pericolo è quello relativo alle truffe. Dato che la tecnologia IPTV viene promossa principalmente su Telegram e WhatsApp, è necessario stare alla larga dai malintenzionati. Già tanti interessati allo streaming illegale si son trovati a pagare un servizio poi non corrisposto.

Occhio anche alle sanzioni per via giudiziaria: in questo caso, il pericolo passa da una sanzione da 30mila euro sino alla reclusione per tre anni.

Ultimo appunto sulla VPN. Di per sé, la VPN non deve essere necessariamente collegata all’IPTV. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.