Al momento è in corso un’indagine federale riguardante un incidente tra un’auto tradizionale e una Tesla priva di conducente. Ufficializzate già due vittime.

I veicoli con guida autonoma rientrano tra le migliori innovazioni degli ultimi tempi, ma l’uso che ne facciamo porta spesso a spiacevoli conseguenze. Infatti, è importante ricordare che – nonostante dispongano di guida autonoma – i veicoli Tesla necessitano della supervisione di un conducente, non ci si può ancora affidare totalmente al veicolo lasciandolo incustodito. I senatori Ed Markley e Richard Blumenthal hanno scritto alla National Highway Traffic Safety Administration, organizzazione esperta in materia, chiedendo di trovare la causa esatta dell’incidente che ha avuto luogo in Texas.

L’incidente è avvenuto a Spring, in Texas. Gli investigatori hanno affermato che la loro indagine iniziale prova la totale assenza di conducente della Model S coinvolta nell’accaduto. “Vi esortiamo vivamente a condurre un’indagine completa sull’incidente mortale del veicolo Tesla di qualche giorno fa. Inoltre, speriamo possiate fornire più raccomandazioni per migliorare la guida automatizzata e i rispettivi sistemi di assistenza”.

Tesla: sale a 27 il totale di incidenti con veicoli muniti di guida autonoma

Non si sa con esattezza se i sistemi Autopilot o Full Self Driving di Tesla fossero in uso al momento dell’incidente. In quel caso pur essendo una mancanza di chi ha lasciato il veicolo incustodito, sarebbe coinvolta l’azienda per aver prodotto un sistema difettoso. “I registri dei dati recuperati mostrano che il pilota automatico non era abilitato. Inoltre, il pilota automatico standard richiederebbe l’attivazione di meccanismo non idonei con il luogo dell’incidente”. Queste le dichiarazioni di Musk, CEO di Tesla.

Una squadra speciale dell’NHTSA sta indagando sull’incidente, insieme agli investigatori del National Transportation Safety Board. Il mese scorso l’NHTSA ha dichiarato di aver aperto indagini su 27 incidenti Tesla, di cui 23 ancora attivi. Consumer Reports ha affermato che nei test è riuscito a far guidare una Tesla Model Y del 2020 “anche senza nessuno al posto di guida”. L’organizzazione che si occupa dei test del prodotto ha affermato di aver ingannato l’auto elettrica con una catena appesantita poggiata sulla ruota e la cintura di sicurezza del conducente allacciata.