spazioLa Russia sta costruendo la propria Agenzia Spaziale per un totale di 6 miliardi di dollari e prevede di inaugurarla entro il 2030.

“Se nel 2030, secondo i nostri piani, riusciamo ad effettuare i primi lanci di prova, sarà una svolta colossale“, dichiara Interfax citando il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin. “L’intento è fare un nuovo passo nell’esplorazione dello spazio con a bordo esseri umani”. È probabile che la futura stazione russa sarà dotata di robot con intelligenza artificiale. Secondo quanto riferito, il vice primo ministro Yuri Borisov ha affermato che la Russia informerà i suoi partner internazionali nel 2025.

Il progetto segnerà la fine della cooperazione della Russia con gli Stati Uniti. Sebbene Rogozin abbia dichiarato che il Paese prenderebbe in considerazione la possibilità di consentire la presenza di astronauti stranieri, ha aggiunto che “la stazione deve essere nazionale. Se vuoi fare bene qualcosa, fallo da solo”. Non si tratta di uno sviluppo inaspettato. Roscosmos ha annunciato che aveva già previsto una nuova stazione spaziale russa nel 2015. Tuttavia, lo sviluppo delle astronavi private e riutilizzabili di SpaceX ha presentato un problema recente per la Russia. La Nasa aveva sempre utilizzato Roscosmos per trasportare gli astronauti nello spazio.

Russia: è ufficiale, nuova Agenzia Spaziale in arrivo entro il 2030

“Questo non è solo risentimento, è un forte mal di testa costante per Roscosmos”, ha detto anche Lukashevich. “Roscosmos, infatti, non ha mai dato la sua approvazione per l’unione con SpaceX nel 2019. Questa è una reazione di qualcuno lasciato indietro”. La Russia dovrebbe anche colmare una lacuna di 400 milioni di dollari all’anno nel suo budget, più del costo dell’operazione di lancio del razzo.

“Per noi questo era un narcotico. Ci ha permesso di non fare assolutamente nulla e continuare a guadagnare denaro. E ora, questo narcotico verrà rimosso e saremo costretti a fare qualcosa”, Lukashevich ha continuato: “Il nostro programma spaziale è diventato dipendente dal dollaro americano. Quindi ora dobbiamo dimostrare di cosa siamo fatti veramente”.