Gli utenti Android – e non solo – probabilmente sanno già che adesso è possibile utilizzare app di terze parti su Android Auto, non più in versione beta. Google ha rilasciato un elenco delle prime applicazioni coinvolte, tra cui TomTom AmiGo. Un nome senza dubbi piuttosto familiare, un vero e proprio ritorno al passato.

Tra le app più usate con Android Auto abbiamo Google Maps e Waze, ormai leader indiscussi in questo settore. Per questo potrebbe sembrare insolito che ci sia chi preferisce utilizzare altri servizi. Tuttavia, se stai cercando di abbandonare anche solo temporaneamente Maps e/o Waze, il passaggio ad AmiGo potrebbe rivelarsi interessante. Questo arrivo non è casuale. Al di là delle preferenze di ciascun utente, siamo comunque difronte ad uno dei primi servizi con mappe di terze parti ad arrivare sull’interfaccia ufficiale di Google.

Android Auto: il ritorno di TomTom AmiGo, ora disponibile nel Google Play Store

Il passaggio dall’app GPS predefinita ad AmiGo consente di ottenere diverse funzionalità extra incluse, come degli avvisi per eventuali autovelox in vista e aggiornamenti sul traffico in tempo reale. Nel complesso, molto simile a Waze. Precisiamo che anche TomTom è una fonte attendibile, altrimenti Google non avrebbe mai autorizzato questa combo con Android Auto.

AmiGo è anche completamente privo di acquisti in-app, abbonamenti e pubblicità, quindi vale definitivamente la pena provarlo e dargli una chance. Un insieme di vantaggi non indifferenti. L’ultimo aggiornamento di TomTom è disponibile nel Google Play Store e puoi scaricarlo anche manualmente. In caso di problemi vi ricordiamo che potrebbero essere momentanei, dovuti alla compatibilità piuttosto recente con Android Auto.