Covid-19

Non finiscono mai le notizie preoccupanti sul Covid-19. Non basta la pandemia, le varianti, un costante aumento dei contagi, e le fake news sul fenomeno Ade. Adesso ci si mettono pure i biohacker che stanno producendo un vaccino homemade.

In pratica questo gruppo di scienziati casalinghi stanno cercando di realizzare ognuno il suo vaccino fatto in casa. È scontato dire che tutto ciò è pericoloso e non sicuro. Eppure sono in tanti a esserne convinti anche se difficilmente rivelano la loro identità pena una denuncia.

 

Da dove parte il vaccino anti Covid-19 fatto in casa

Molti si staranno chiedendo da dove parte il vaccino anti Covid-19 fatto in casa. “La pandemia è l’opportunità perfetta per i biohacker, possiamo smuovere la scienza più velocemente” ha dichiarato Josiah Zayner, ex scienziato della NASA, oggi pioniere degli esperimenti scientifici fai da te.

Questo biohacker già da giugno 2020 aveva iniziato a lavorare di nascosto cercando di realizzare un vaccino anti Covid-19. Il tutto partendo da una ricerca, “project McAfee” legata a un possibile vaccino a DNA che prometteva grandi risultati di cura. “Gli scienziati hanno detto specificatamente ciò che hanno usato, quindi è facile da replicare. Funziona sulle scimmie, proviamolo sugli umani” ha spiegato Zayner a Bloomberg. Da qui capiamo il primo problema che spinge questi sedicenti scienziati a realizzare un vaccino in casa.

 

Troppe informazioni sensibili su internet

In pratica su internet ci sarebbero troppe informazioni sensibili che, nelle mani sbagliate, possono portare gravi danni. Ed è questo il caso del vaccino anti Covid-19 homemade. Addirittura Zayner avrebbe realizzato un corso online con l’obbiettivo di mostrare come sia facile replicare le informazioni scientifiche prese dal web.

“Voglio che le persone imparino qualcosa da tutto questo, in modo che la scienza non sia più la scienza arcana che appare oggi”. Sarebbe questa la volontà delirante di Zayner che ha pubblicato il corso “Do-It-Yourself: From Scientific Paper to Covid-19 DNA Vaccine” su Google Drive.

In conclusione si può solo dire che, in merito a medicina e vite umane, non si può scherzare. Fino a quanto l’informazione può spingersi nei dettagli in merito a questi aspetti così delicati? Un dibattito aperto, che fa riflettere su un senso di libertà che forse rischia di essere travisato erroneamente.

VIAVia