google-earth-dark-mode-modalità-scura-android-10Le mappe digitali disponibili per tutti in qualsiasi momento e con così tante indicazioni rendono impossibile perdersi. Anche se sottovalutate, le mappe sono tra le scoperte più rivoluzionarie degli ultimi anni. Tra le più utilizzate ci sono senza dubbi quelle di Apple e Google Maps. Anche servizi come Google Earth hanno fatto – e continuano a fare – la differenza.

Amazon sta collaborando con Nokia per proporre un servizio simile a quello offerto da Google, su misura per i suoi ultimi Kindle Fire. Amazon e Apple competono di pari passo con Google, che fino ad ora ha avuto quasi un monopolio non solo con Google Maps, ma anche con Google Earth e Street View. “Google Earth sembra un atlante tradizionale. La sua home page è un’immagine del mondo. Imita la storia della cartografia. Riprende anche deliberatamente la prima, iconica immagine della Terra del 1972 scattata dall’Apollo 17″.

La differenza più significativa tra Google Earth e i suoi predecessori è la mancanza di geografi coinvolti nella sua creazione e manutenzione. Quasi tutte le altre persone che lavorano a questo progetto sono professionisti del settore o della tecnologia. L’avvento di Google Earth era stato in un certo senso previsto in un discorso del 1998 dell’allora vicepresidente degli USA che parlava di “Digital Earth”. Tre anni dopo, la società IT Keyhole lancia “Earthviewer”.

Google Earth: il modo in cui una “semplice mappa” ha rivoluzionato il mondo

Nel 2003, la piattaforma ha attirato l’attenzione del pubblico quando le reti di notizie televisive statunitensi hanno iniziato a utilizzarla per visualizzare i campi di battaglia durante la guerra in Iraq. Più o meno nello stesso periodo, In-Q-Tel, una società senza scopo di lucro finanziata dalla CIA, investì in Keyhole, presumendo che Earthviewer potesse avere applicazioni senza precedenti. Google ha successivamente acquistato Keyhole, nel 2004.

Nel 2007, due anni dopo il lancio di Google Earth, l’azienda ha collaborato con l’US Holocaust Memorial Museum per mappare il genocidio del Darfur in tempo reale. Questo era il genere di cose che Gore aveva in mente con “Digital Earth”. La maggior parte di noi, tuttavia, ricorre a funzioni più semplici, come le indicazioni stradali. Le ragioni per cui l’azienda mantiene queste mappature sono commerciali. Molte ricerche su Google sono su locali di attività commerciali. Ciò significa introiti pubblicitari. “Ora ci stiamo rendendo conto”, afferma Brotton, “che questa monopolizzazione delle informazioni geografiche online consiste semplicemente nel raccogliere più denaro per Google”.

“Non si tratta di promuovere qualcosa di innovativo nella geografia. Google è interessata a fornire alle persone informazioni geospaziali su cose vicine a loro: il ristorante cinese più vicino, la tintoria. Le mappe sono sempre state legate all’attività commerciale”. Anche Apple e Amazon stanno mirando a raggiungere i risultati ottenuti da Google. “Ora ci sarà una proliferazione di diverse versioni del mondo online e sceglieremo quelle che funzionano per noi, come abbiamo sempre fatto, dai babilonesi ad oggi”.