Instagram

Dopo i casi che hanno visto vittime dei social network diversi bambini il Garante per la privacy ha in cantiere un’istruttoria che obbliga questi ultimi ad utilizzare delle tecnologie per individuare anomalie in merito all’età dichiarata dagli utenti. Bene Instagram che ha deciso di giocare in anticipo e in un aggiornamento ha introdotto 5 novità che hanno l’obbiettivo di proteggere i più piccoli.

In Italia l’età limite per potersi iscrivere a qualsiasi social, salvo diverse indicazioni, è 14 anni. Questa legge di fonda sul Regolamento Europeo dei dati personali. Tuttavia si sa che già da tempo anche i più piccoli popolano la rete. Per creare un account si trovano costretti a dichiarare un’età falsa. Instagram però attraverso alcuni accorgimenti non solo cercherà di ridurre questo fenomeno, ma proteggerà anche chi può iscriversi ed è comunque un minore.

 

5 novità di Instagram proteggono i minori

Ormai i problemi di privacy con i social network sono all’ordine del giorno. Basti pensare al caso ormai conosciuto di WhatsApp o a ciò che sta affrontando Clubhouse ultimamente.

Sono esattamente 5 le novità introdotte da Instagram per proteggere i suoi più giovani iscritti. È vero che alcune di queste servono ad evitare l’iscrizione di chi non raggiunge l’età minima, ma è altrettanto vero che chi ha dai 14 ai 17 anni è un minore e deve essere tutelato.

  1. L’intelligenza artificiale per verificare l’età. Come sta facendo YouTube, anche Instagram utilizzerà questa tecnologia in grado di stimare, attraverso abitudini, foto e amicizie, quanti anni realmente ha un account. Ciò permette di confermare o confutare quanto comunicato al momento dell’iscrizione.
  2. Utenti privati per i minori. Sebbene TikTok lo abbia reso di default fino ai 15 anni, Instagram non rende obbligatoria la scelta di non rendere pubblico il proprio profilo. Tuttavia i minori saranno sensibilizzati ai pericoli con una campagna ad hoc durante e, con regolarità, anche dopo l’iscrizione.
  3. Una funzione limita agli adulti il contatto di minori che non li seguono. Questa è un’altra novità introdotta da Instagram in grado di proteggere i minori da un possibile adescamento.
  4. Avviso in chat di pericolo. Ovviamente ci sono già minori che seguono e sono seguiti da adulti. In questi caso i giovanissimi saranno avvisati nel momento in cui avvieranno una chat con chi ha più di 18 anni.
  5. Stop a chi manifesta comportamenti pericolosi. Instagram non permetterà a chi è già stato segnalato di visualizzare i profili dei più giovani. In pratica a questi non compariranno più profili di minori tra i contatti suggeriti.
VIAVia
FONTEla Repubblica