IPTV e guai con la legge: quando non si bada ai pericoli pur di risparmiare

Il mondo IPTV riceve un’altra batosta da parte del Tribunale di Milano. Gli utenti che si fregiano di un abbonamento pirata dovrebbero cominciare a preoccuparsi, vista l’attività da parte della Guardia di Finanza che vuole multare coloro che usano gli abbonamento IPTV.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: scoperta una nuova piattaforma, ora oltre 50.000 utenti sono nei guai con la legge

La Lega Serie A vince il ricorso al Tribunale di Milano che comporta dunque la cessazione di CloudFlare in merito alla fornitura di servizi resi in favore del mondo IPTV. Disposta una sanzione di 5.000 euro per ogni giorno di inadempimento.

Seguono le parole di Luigi De Siervo, AD della Lega Serie A:

“L’obiettivo finale che ci siamo posti è l’azzeramento delle trasmissioni illecite, a tutela del nostro prodotto, dei licenziatari e del consumatore che si abbona ai servizi pay perché’ l’industria del calcio non può tollerare questo sottobosco malavitoso che drena risorse al sistema. I recenti provvedimenti emessi da diversi Tribunali, in particolare quello di Milano, ci confermano che stiamo agendo nella giusta direzione e grazie alla stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine abbiamo raggiunto risultati che nessun’altra Lega di calcio in Europa è riuscita ad ottenere negli ultimi mesi”.