luce e gasLa manomissione dei contatori di luce e gas per riuscire ad alleggerire la bolletta di fine mese sta diventando una pratica, se non comune, quantomeno diffusa. A favorire il sempre maggiore utilizzo di tecniche scorrette per cercare di risparmiare dov’è possibile di sicuro ha contribuito la pandemia.

La crisi economica derivata dalla crisi sanitaria ha colpito molto duramente; basti pensare che nel giro di un anno i nostri cittadini sotto la soglia di povertà sono aumentati di un milione. In molti dunque hanno dovuto imparare ad arrangiarsi; e tra questi, come già accennato, non sono mancati coloro i quali hanno deciso che il costo di luce e gas fosse troppo elevato. Fortunatamente oggi esiste un’alternativa per risparmiare sulle bollette.

Luce e Gas: come risparmiare grazie agli incentivi

 

Il modo più semplice per risparmiare su bollette di luce e gas è quello di richiedere la partecipazione al programma di ARERA per ottenere gli incentivi messi a disposizione. Le sovvenzioni sono destinate alle famiglie che versano in difficoltà economica. Per ottenere il bonus sulla bolletta della gas sarà necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  • Nucleo familiare con ISEE inferiore a 8’265 euro.
  • ISEE inferiore ai 20’000 euro in caso di famiglie con più di quattro figli a carico.
  • Nucleo familiare titolare di Reddito di Cittadinanza.
  • Possedere un contatore di classe non superiore al 6G.

Ecco invece i requisiti per ottenere il bonus sulla bolletta della luce:

  • Nucleo familiare ISEE inferiore a 8’265 euro.
  • ISEE inferiore ai 20’000 euro in caso di famiglie con più di quattro figli a carico.
  • Nucleo familiare titolare di Reddito di Cittadinanza.