Bitcoin: la valuta digitale potrebbe divenire “una valuta del commercio internazionale”

L’evoluzione del bitcoin da una forma di pagamento al suo attuale stato di riserva di valore, non poteva essere spiegata in miglior modo se non dal rapporto di Citi, intitolato “Bitcoin: At the Tipping Point”.

Secondo gli autori il bitcoin potrebbe trasformarsi nella “valuta di scelta” per il commercio internazionale nel giro di circa sette anni. “Le percezioni su ciò che rende importante il bitcoin continuano ad evolversi e a creare nuove opportunità aumentando la sua percezione di diventare mainstream”, affermano.

Bitcoin: l’analisi del rapporto di Citi

“Un focus sulla portata globale e sulla neutralità potrebbe vedere il bitcoin diventare una valuta del commercio internazionale. Ciò trarrebbe vantaggio dal design decentralizzato e senza confini di bitcoin, dalla sua mancanza di esposizione ai cambi, dalla sua velocità e vantaggio in termini di costi nel trasferire denaro, dalla sicurezza dei suoi pagamenti e dalla sua tracciabilità.”

Il rapporto di Citi spiega che il bitcoin, nel ruolo di una valuta del commercio globale “potrebbe essere utilizzato da importatori ed esportatori per pagare direttamente beni e servizi, semplificando il processo del commercio internazionale. Una criptovaluta decentralizzata può essere preferita a una valuta digitale della banca centrale perché nessun governo o entità esterna può intraprendere misure che potrebbero influenzare l’offerta della valuta commerciale, aiutando a separare il commercio da considerazioni politiche.”

Ciononostante, una serie di barriere ostacolano la realizzazione di tale visione. Ad esempio bitcoin non è in grado di gestire più di 5 transazioni al secondo, nonché circa 4.800 volte più lento della capacità della rete Visa.

Ad ogni modo l’ingresso di investitori istituzionali ha portato fiducia nella criptovaluta, ma ci sono ancora problemi persistenti che potrebbero limitare l’adozione diffusa.

Il rapporto afferma: “Per gli investitori istituzionali, queste includono preoccupazioni sull’efficienza del capitale, assicurazione e custodia, sicurezza e considerazioni ESG derivanti dall’estrazione di bitcoin.”