WhatsApp può tornare a pagamento secondo il nuovo messaggio in chat

Non tutti i messaggi che si leggono su WhatsApp sono portatori di verità. In alcune circostanze, infatti, la piattaforma di messaggistica istantanea espone gli utenti a costanti fake news e a informazioni non corrispondenti al vero. Nelle ultime settimane, bisogna fare ancora molta attenzione a tutte le notizie che parlano di un ipotetico ritorno dei profili a pagamento.

 

WhatsApp e i profili a pagamento: secca smentita della chat per la fake news

Quando si parla di un possibile ritorno dei profili a pagamento su WhatsApp si parla evidentemente di una fake news fatta circolare ad hoc da una serie di malintenzionati della rete. Nella maggior parte dei casi, proprio la notizia sugli account a pagamento nasconde dei tentativi di phishing. 

Chi legge tal genere di messaggi è infatti indirizzato su un link presente in calce al testo per ricevere ulteriori informazioni sul ritorno al pagamento per WhatsApp o per modificare eventuali aspetti del proprio profilo. Bisogna frenare la tentazione di cliccare su questi link.

E’ necessario un semplice click per concedere ai malintenzionati la possibilità di rubare dati riservati del nostro account. Al tempo stesso, inoltre, sempre con l’ausilio di questa fake news, i cybercriminali riescono ad attivare una serie di servizi a pagamento sui piani tariffari con conseguenze devastanti per il proprio credito residuo. 

Per gli sviluppatori di WhatsApp, la situazione è molto chiara. Dallo scorso 2014 il servizio di messaggistica rappresenta un servizio gratuito per tutti gli utenti. Anche per il futuro a breve e medio termine la chat resterà a costo zero.