tatuaggio

Avete mai sentito parlare di un tatuaggio “smart”? Beh, se questa può sembrarci una stranezza dobbiamo pensare che non è assolutamente qualcosa di fantascientifico, ma è un qualcosa oggi sviluppato e già testato.

A presentare questo tatuaggio smart è uno studio apparso sulle pagine della celebre rivista Advanced Electronics Materials. La ricerca in questione riporta la firma di un team di scienziati dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) in collaborazione con l’University College di Londra. Nello specifico, i ricercatori italiani e inglesi hanno messo a punto il primo tattoo trasferibile che si illumina sfruttando una tecnologia già ben conosciuta da tutti noi.

La tecnologia che consente al tatuaggio di illuminarsi è infatti la stessa tecnologia Oled degli schermi di tv e smartphone. Integrato con altri sensori, questo tattoo smart può essere applicato sulla pelle al fine di monitorare lo stato di idratazione o l’esposizione al sole. Ma non si tratta di un dispositivo applicabile esclusivamente sulla pelle, ma anche sugli oggetti e sugli alimenti. Applicato su questi ultimi, infatti, il tatuaggio potrebbe essere utilizzato per indiare quando sono scaduti. O ancora, applicato sui vestiti o sulle unghie potrebbe diventare un accessorio di moda molto chic.

Questo tatuaggio elettronico rappresenta una novità davvero incredibile e rappresenta un settore tecnologico in notevole espansione. Inoltre, gli scienziati italiani hanno già sviluppato elettrodi che possono essere applicati sulla pelle anche per eseguire test diagnostici come l’elettrocardiogramma. Il vantaggio di una tecnologia come questa è che è a basso costo, facile da applicare e da usare e, non meno importante, si può eliminare semplicemente utilizzando acqua e sapone.

FONTEAdvanced Electronics Materials