blank

Si è verificato nella giornata del 1° marzo, un down di Tim, infatti, molti utenti della rete telefonica hanno riscontrato vari disservizi, soprattutto con la rete fissa e internet, ci sono stati problemi anche con il rinnovo di alcune offerte. Già nel pomeriggio l’operatore telefonico ha provveduto a risolverli.

Anche se l’entità del down è stata di breve durata e di leggero impatto, colpendo solo alcune zone del paese e risolta in breve tempo, un disservizio è sempre motivo di disagio. Lo è in modo particolare nella situazione Covid-19, dove molti sono costretti a fare un uso prolungato di internet per esigenze lavorative e scolastiche.

Cosa è successo?

Non si conosce la natura del down di Tim. Il picco delle segnalazioni, come ha riportato il sito Downdetector, si è verificato in piena mattinata, tra le 10 e le 11 e solo in alcune città, come si può notare anche dalla mappa.

Queste riportavano disservizi sulla linea internet e la rete fissa, ma non particolarmente su quella mobile, che ha funzionato senza troppi intoppi tutto il giorno.

Il problema però non si è fermato lì, alcuni clienti, con la scadenza  dell’offerta nella giornata di ieri, si sono ritrovati a non ottenerne il rinnovo, con il rischio di una spesa molto più consistente con offerte a consumo. I disservizi hanno riguardato solo alcune SIM, in particolare quelle con le offerte di tipo Winback o Operator attack, quelle offerte vantaggiose per attirare ex-clienti o per attirarne di nuovi da altri operatori.

Le segnalazioni sono avvenute principalmente per via telefonica. Dopo alcune ore, tramite sms Tim ha fatto sapere ai clienti con problemi di rinnovo che avrebbero presto risolto la questione. L’operatore telefonico ha inoltre offerto una soluzione temporanea alternativa all’offerta a consumo.