IPTV: arrivano le multe da parte della Guardia di Finanza, ecco a quanto ammontano

L’IPTV sarebbe ritornata di moda soprattutto nell’ultimo periodo stando alle statistiche. La grande disdetta dei servizi inerenti ai grandi licenziatari che si occupano di pay TV, avrebbe fatto pensare a un nuovo incremento del settore della pirateria. Secondo quanto riportato la Guardia di Finanza starebbe conducendo delle indagini volte a scoprire nuove piattaforme illegali. Ovviamente gli utenti rischiano davvero tanto dal punto di vista legale.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: la Guardia di Finanza risale agli utenti grazie agli indirizzi IP, ecco cosa si rischia

Da ormai diversi giorni circola la notizia che la Guardia di Finanza starebbe indagando in maniera molto rapida sul territorio. Le maglie della giustizia non avrebbero intenzione di lasciarsi sfuggire anche questa volta tutti i furbetti che si servono della pirateria. Proprio per questo sono state disposte sanzioni molto pesanti, le quali possono beccare anche coloro che risultano semplici abbonati del servizio. Basti pensare infatti che tutti potrebbero essere puniti con una multa da 2000 a 25.000 euro.

“Dietro Webnet si nascondeva un’articolata organizzazione, operante in diverse regioni del territorio nazionale, dedita alla vendita e distribuzione di dispositivi di decodificazione idonei a permettere l’accesso al servizio criptato IPTV per fruire di contenuti televisivi, senza il pagamento del canone dovuto”.