blank

Perché lo smartphone non mi permette di scaricare applicazioni o scattare foto se la scheda di memoria ha ancora spazio disponibile? Una domanda che qualsiasi utente Android si è posto almeno una volta nella vita, nel tentativo di risolvere quel fastidioso problema.

Android, perché lo smartphone dice che non ha spazio anche se la microSD è quasi vuota?

Per capire perché questo accade, dobbiamo prima comprendere il concetto di partizioni dei dati. Una partizione non è altro che una partizione virtuale di un’unità disco fisica. Lo spazio di archiviazione di uno smartphone Android è suddiviso in più partizioni.

Il numero e il tipo di partizioni possono variare da uno smartphone all’altro (ad esempio, Huawei ha iniziato a utilizzare il file system di sola lettura EROFS nelle ultime versioni di EMUI), ma qualcosa su cui la maggior parte dei dispositivi concorda è in tre partizioni: sistema, dati e cacheIn realtà ci sono molte partizioni aggiuntive, ma quelle sono le principali. Nella partizione di sistema troverai il sistema operativo e le applicazioni preinstallate, nella cache la cache delle applicazioni e nella partizione dati tutto il resto, compreso tutto ciò che viene salvato nella memoria interna del telefono.

Questo è il motivo per cui gli smartphone hanno molto meno spazio di archiviazione disponibile rispetto al totale (rispettivamente 107/128 GB, 23,6/32 GB e 5,1/8 GB).

Lo spazio sulla memory card è separato, ma c’è un problema: i dati delle applicazioni vengono salvati nella memoria interna, compresi i download delle applicazioni da Google Play e la loro successiva installazione. Per questo motivo, Google Play potrebbe dirti che non hai spazio disponibile anche se la scheda di memoria ha gigabyte e gigabyte liberi.

Le uniche cose che vengono salvate direttamente sulla scheda di memoria, e dipende dalle impostazioni dell’applicazione della fotocamera, sono le foto e i video. Il problema è che queste foto e video generano miniature e cache nella memoria interna, così che, a lungo andare, anche se le foto vengono salvate sulla memory card, hanno un impatto anche sulla memoria interna.

In altre parole, indipendentemente dallo spazio disponibile sulla scheda di memoria, Android continua a utilizzare la memoria interna quasi esclusivamente per tutte le tue esigenze, dai download al salvataggio dei dati delle applicazioni e della cache. Le foto che scatti sulla scheda di memoria vengono rilevate anche nella memoria interna sotto forma di cache o dati nell’app Google Foto.

Se hai una scheda di memoria libera ma la memoria interna è piena, il tuo smartphone non smetterà di darti errori ogni volta che proverai a fare qualcosa. Fortunatamente, ci sono una serie di strategie che puoi attuare:

  • Libera spazio sul tuo smartphone. È il modo più efficace per riportare in vita il tuo cellulare e spazia dalla disinstallazione di applicazioni all’eliminazione di file, di foto o video che non ti interessano più. Certo, quelle foto e video che sono nella memoria interna.
  • Utilizzare lo spazio di archiviazione Adoptable, se disponibile . Lo storage adottabile è una funzione Android che permette di formattare una memory card come se fosse memoria interna. È un processo semplice, ma sfortunatamente non è disponibile su tutte le marche di cellulari. È importante utilizzare una scheda di memoria ad alta velocità e ricordare che perderà la sua portabilità.
  • Scegli la scheda microSD come memoria standard. Non è una funzionalità Android standard, ma alcuni produttori, come Huawei e in misura minore Samsung, consentono di scegliere la posizione di archiviazione predefinita tra memoria interna o microSD.
  • Spostare le applicazioni sulla scheda SDNon è una panacea, ma in casi specifici può aiutare a salvare alcuni megabyte di memoria interna.
  • Passa ad app “Lite”. Se nessuna delle soluzioni precedenti ha funzionato, puoi provare a utilizzare applicazioni leggere e versioni ridotte delle applicazioni che utilizzi come Facebook, Messenger o Twitter.